Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

28/12/13

Sito ufficiale : JW.ORG.STREAM


News : Sabato 11 Giugno 2016  in mattinata streaming con tutti i nominati. Informazioni sul Reparto LDC . Punti salienti da parte del  Corsaro Nero a questo link

/punti-salienti-adunanza-11-giugno-2016.


Betel Leaks:  http://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/jw-stream-betel-roma-commenti-al.html

http://jw-stream-betel-roma-Losh.html

Avviso ai naviganti

Alla fine di Aprile  e fino ai primi di Maggio 2015, sarà in visita alla filiale italiana il fratello Gerrit Losh .  Il 3 Maggio 2015 ,un'adunanza speciale sarà trasmessa in streaming attraverso un canale internet dedicato . L'evento interesserà tutte le congregazioni del territorio italiano e anche delle zone curate dalla filiale Romana . 


Termine avviso ai naviganti


  
stream.jw.org

sito che si utilizza per assemblee  e adunanze speciali.
In italia un collegamento streaming è stato realizzato il 5 Gennaio 2014 con A.Morris lll,membro del corpo direttivo.

Qui i commenti  dei fratelli all'avvenimento del 5 Gennaio 2014 

http://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2014/12/commenti-alla-visita-di-morris-del-5.html

 














-----------------------------------

13/12/13

Testimoni di Geova onesti chiedono: La Watchtower ha problemi di liquidità ?



Ma non c’è nulla di accuratamente occultato che non sarà rivelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Pertanto le cose che dite nelle tenebre saranno udite nella luce, e ciò che bisbigliate nelle stanze private sarà predicato dalle terrazze.     LUCA 12:2,3



 LA WATCHTOWER ha problemi di liquidità ?


Naturalmente, per fare una analisi sullo stato delle finanze Watchtower, possiamo basarci unicamente sulle informazioni disponibili che sono poche, ma aiutano a capire cosa sta accadendo, e può spiegare la crisi attuale con gli enormi piani di dismissioni di patrimonio del regno, avviate nell'ultimo quinquennio.

Ebbene, secondo l'annuario dei Testimoni di Geova del 2012, la Watchtower ha speso, l'equivalente di 173 milioni di dollari, per provvedere  ai pionieri speciali , missionari e  sorveglianti impegnati nel campo.Nel conto spese dobbiamo aggiungere ciò che la società eroga mensilmente come contributo e rimborso spese, agli oltre 20.000 beteliti che servono nelle varie betel e filiali dei Testimoni di Geova. Essi infatti oltre a ricevere un modestissimo contributo di pochi euro al giorno, hanno vari servizi che permettono a questi fratelli di dedicarsi esclusivamente al servizio in betel senza pensare a cucinare ,lavare,stirare o pagare le bollette.

Secondo una statistica del 2000 circa, il costo fisico per il mantenimento di ogni singolo betelita ammontava allora a circa 2.200.000/2.400.000 di lire al mese per vitto e alloggio e spese di gestione in generale. Ora provate a rivalutare questo alla luce dell'euro dopo circa 15 anni e la cifra e molto molto piu' alta. Mantenere oltre 20000 beteliti ha un notevole impatto sulla liquidità dell'organizzazione. Come reperire questi fondi ? Le contribuzioni copriranno i costi in notevole aumento ?

L'organizzazione oltre a quanto detto sopra,  stampa in proprio e produce programmi in Broadcasting, tutto ciò ha un notevole costo di gestione tra acquisti materiale,manutenzione, spedizione, logistica, ecc..


Forse, non sarebbe esagerato affermare, che il fabbisogno di liquidità per far funzionare l'intera macchina si aggira  intorno a qualche centinaio di milioni in dollari ogni mese. Naturalmente, dato che la società non pubblica dati completi sulle attività e passività finanziarie possiamo solo fare supposizioni . Sarebbe ora di applicare la riforma biblica della trasparenza finanziaria.





Cosa sta avvenendo alla Watchtower ?


La conclusione più ragionevole, sarebbe che la Società  sta avendo grossi problemi in merito all' approvigionamento di liquidità, e per far fronte a tale deficit di cassa, sarebbe ricorsa alla vendita di alcuni beni immobili importanti. Per favorire una più oculata gestione e ottimizzare i costi si è rivisto tutto il sistema per fare cambi strutturali e tagli profondi anche al personale a tempo pieno.



Possiamo presupporre per l'immediato futuro, ulteriori grossi tagli dei rami non più produttivi o sostenibili. Si venderanno le Sale dedicate a Geova e le filiali poco utilizzate. Un ulteriore taglio si abbatterà sui servitori speciali a tempo pieno ? Forse sarà eliminato il ruolo del sorvegliante di circoscrizione inserendo una figura locale che non dipenda dalla betel ?  Vedremo

  

  

Le 10+1 Proposte di Riforma
http://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2013/03/ministero-del-regno-13-marzo.html







----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


09/12/13

WATCHTOWER ADUNANZA ANNUALE 2012:Sintesi discorso di un membro del corpo direttivo





post pubblicato nel 2013

da un collaboratore 


Questo discorso pronunciato all'adunanza annuale del 2012 ,lascia trapelare ciò che molti fratelli sospettavano,la burocrazia sta soffocando ogni rinnovamento dell'organizzazione dei Testimoni di Geova.Lobby interne* e consiglieri di palazzo* ,stanno influenzando ,le decisioni che spettano al corpo direttivo.
*(vedi Perspicacia vol.1 pag.111 esponente Amico (compagno) del re.)*
*( anche Perspicacia vol.1 pag.555 esponente Consigliere paragrafi 4 -6)*






Il fratello Morris ha presentato un simposio in 6 parti, ognuna delle quali svolta da un membro del Corpo Direttivo.  Avevano tutte a che fare con un chiarimento in relazione a Matteo 24:45-47 (schiavo fedele e discreto).



Jeoffrey Jackson Come Viene Preparato Il Cibo Spirituale?


2 princìpi chiave 

a) Daniele 12:4  fare attente ricerche nella Parola di Dio

b) 1 Corinti 4:6 “non andare oltre ciò che è scritto”

Ci si chiede sempre da dove vengano le idee per preparare il cibo spirituale. Non c’è un buco nel soffitto della sala conferenze del Corpo Direttivo!

Il Corpo Direttivo riceve rapporti dalle filiali, sorveglianti di zona e altri sorveglianti viaggianti. Oltre a questo, i membri del Corpo Direttivo leggono costantemente la Bibbia a livello personale. Ci sono altri che aiutano nella stesura del materiale. Tutto il lavoro editoriale è “attentamente supervisionato” dal Corpo Direttivo. Tutti i membri del Corpo Direttivo leggono il materiale 2 o 3 volte prima che venga distribuito.



Punto Chiave: quando un membro del Corpo Direttivo propone/prepara un articolo, deve essere sottoposto ad almeno 70 passaggi/fasi prima di diventare cibo spirituale. (in un discorso successivo, il fratello David Splane ha ammesso che alcuni dei suoi articoli, dopo essere stati presentati “dovevano essere tenuti in vita artificialmente e alcuni non ce l’hanno fatta”!). Si capisce quindi che nessun membro del Corpo Direttivo può influenzare le cose da solo.



Che dire se la domanda ha a che fare con l’attuale intendimento di una verità? Il Corpo Direttivo assegnerà alcuni fratelli a fare ricerche, poi il Corpo Direttivo la riprenderà in considerazione, e pregherà al riguardo.
 “Non esistono tirapiedi o yesman(uomini servili, accondiscendenti) nel Corpo Direttivo”.

Vengono fatte discussioni sentite. “A meno che tutto il Corpo Direttivo non sia d’accordo, la questione viene lasciata in sospeso. Alcune sono in sospeso per anni, finchè TUTTI sono spinti dallo spirito santo.” (Mi chiedo quante altre cose siano “in sospeso”.Un fratello alla sede centrale mi ha detto dopo l’adunanza che ce ne sono parecchie! Chissà da quanto tempo questo raffinamento di Matteo 24 era in sospeso!)*
* questo commento tra parentesi è fatto dall'autore , uno tra le migliaia di fratelli e sorelle  presenti all'adunanza annuale


Ci vuole coraggio per cambiare il nostro intendimento su cose in cui credevamo da tanto tempo e che a volte ci erano care. Per esempio, pensate a quando i fratelli hanno capito il giusto intendimento sul Natale, la croce e i compleanni. Ricordiamoci che a cambiare non è la verità, ma solo il nostro intendimento della verità!








Con affetto un collaboratore











                                       ----------------------------------------------------

05/12/13

Testimoni Di Geova : Riforma 12 eliminazione della pratica del battesimo dei fanciulli !




MATTEO 28:19,20 : " Andate dunque e fate discepoli di persone di tutte le nazioni,battezzandole........insegnando loro ad osservare tutte le cose che vi ho comandato."


La bibbia comanda a tutti i cristiani di battezzare persone di tutte le nazioni insegnando loro ad osservare tutte le cose che Gesù ha comandato loro.

Purtroppo da alcuni decenni tra i Testimoni di Geova è tornata in auge la pratica di battezzare bambini in età immatura e prima dell'adolescenza.Si racconta negli annuari e si vedono alle annuali assemblee bambini di 8-9-10 anni dedicarsi e battezzarsi a Geova Dio.Ma noi vogliamo chiederci : questa pratica ha basi bibliche o deriva da un retaggio non cristiano e quindi va abbandonata ?


Il battesimo dei bambini nelle denominazioni cristiane 


Quasi tutte le Chiese cristiane praticano il battesimo dei bambini (oltre, ovviamente, quello degli adulti convertiti), con l'eccezione di alcune denominazioni protestanti come gli anabattisti, i battisti, i pentecostali, gli avventisti del 7º giorno e altri gruppi come testimoni di Geova, che battezzano unicamente adulti, sostenendo che in tale prassi battesimale si pone maggiormente l'accento sulla scelta personale e consapevole del credente, e i mormoni.

Gli episodi battesimali riportati nel testo biblico riguardano soprattutto persone in età adulta. I cattolici considerano alcuni passi del Nuovo Testamento dove ci si riferisce al battesimo di intere "case", come il battesimo di adulti comprensivo di tutta la loro famiglia, includendo  anche i bambini piccoli e i neonati. Altri affermano il contrario per il fatto che spesso il termine "casa" com'è usato nella Bibbia, esclude ovviamente i neonati (in Tito 1,11, ad esempio, si parla di apostati che «sovvertono intere case»; in 1 Samuele 1,21-22 si parla del padre di Samuele che «sale con tutta la sua casa» a Gerusalemme, ma nel versetto successivo si narra che la madre e il figlio restano a casa).

Occorre perciò notare che quando nella Bibbia compare il termine casa che nella fattispecie sta ad indicare l'intera comunità familiare  successivamente viene specificato quali membri della casa sono esclusi dall'accezione del termine. - vedi 1 Samuele 1:21-25
Le comunità che sostengono l'esigenza di un battesimo in età adulta affermano il ritorno alla tradizione evangelica e il fatto che l'appartenenza alla comunità cristiana deve essere una scelta libera e consapevole dell'individuo e non imposta dai genitori, scelta impossibile in tenera età. Rimane un punto fermo, per alcune denominazioni cristiane, che il battesimo sia un rinnovo dell'alleanza proposta da Dio al popolo ebraico, simboleggiato dalla circoncisione.

Fonte : http://it.wikipedia.org/wiki/Battesimo



     Cosa dice la Bibbia in realtà sul battesimo dei bambini ?


    Ebbene forse vi sorprenderà sapere che la Bibbia non menziona un solo caso di battesimo di bambini o giovanissimi . In Israele solo a 12 anni  si diventava in parte responsabili e in grado di prendere alcune decisioni in ambito spirituale. Infatti a 12 anni  i ragazzi venivano nominati: "figli del comandamento".  Non a caso, il vangelo narra l'esperienza di Gesù a 12 anni , quando ragiona e discute con i maestri della Legge . Questo è l'unico passo biblico, e non è un caso, in cui si parla del  Gesù adolescente.

Nella bibbia non vi è traccia di battesimi di bambini. In tutta la Scrittura, il battesimo è una decisione derivante "dall'udire la parola"  ,"accogliere di cuore la parola " e "il pentirsi " delle proprie azioni precedenti............tutte azioni peculiari di una persona adulta , consapevole e matura .

   Atti 8:12 parla di adolescenti o neonati ? Assolutamente no! ............la scrittura menziona solo "uomini e donne". Possibile che non ci sia un solo caso di giovanissimi che siano stati battezzati nel 1° secolo? In realtà la Bibbia è chiara sotto questo aspetto.

Figli considerati santi
sotto la tutela del genitore credente


L'apostolo Paolo ci da l'indicazione più importante e la prova finale per definire ragionevolmente la questione. In 1 corinti 7:14 leggiamo che i figli sono considerati "santi" grazie ad un parente credente. Qui l'apostolo estende una garanzia di merito,ai figli di servitori di Dio, senza apporre la clausola del  battesimo pubblico.

   Notiamo che Paolo non usò una parola precisa nell'indicare i bambini ,ma usa il termine inclusivo "figli".Se fosse stato corretto battezzare neonati o bambini pre-adolescenti ,di qualsiasi età, questi non avrebbero avuto bisogno del merito del genitore credente,poichè essendo battezzati avevano già il loro merito di fronte a Dio.

    Quando Gesù accolse i bambini e li benedisse,va notato che non viene detto che furono battezzati,furono lodati perché erano ammaestrabili e fiduciosi . Ma allora chiederete da dove deriva questa usanza di battezzare pre-adolescenti e neonati ? Lo studioso di storia delle religioni  Augustus Neander nel suo libro History of the Planting and Training of the Christian Church by the Apostles , 1864 pagina 162 afferma : " L'usanza di battezzare i bambini era sconosciuta in quell'epoca......Solo all'epoca molto più tarda di Ireneo ca. 140-203 E.V.  si trova traccia del battesimo di bambini,e che fosse per la prima volta riconosciuto come una tradizione apostolica nel corso del terzo secolo ne esclude anziché confermare l'origine apostolica".


Conclusioni finali in merito al battesimo dei fanciulli
In vista delle scritture citate,del comando cristiano di Matteo 28:19,20 e delle parole dell'apostolo Paolo ai corinti ,dove tutti i figli vengono considerati "santi"senza aver fatto nessun battesimo,proponiamo ragionevolmente la seguente riforma biblica :


Proposta di Riforma 12 ° 
 Scoraggiare o vietare il battesimo per i minori al di sotto dei 12 anni. Nel contempo un minore battezzato non deve essere disassociato né escluso!

La disciplina può assumere diverse forme e non spetta alla congregazione bensì alla famiglia impartire riprensione ai figli. L'ekklesia può intervenire come sostegno spirituale. Stabilire delle norme che scoraggino una decisione avventata ,oltre quelle che sono già in essere. Si deve dare un segnale forte e chiaro , dare risalto ai principi biblici sulla questione e sulla serietà del battesimo .



Da un collaboratore
----------------------------------------------------------


04/12/13

LE 10 RIFORME +1 ,URGENTI ........per far ritornare di moda l'onestà tra i testimoni di Geova



Per far ritornare la fiducia e l'onestà di moda,
tra i testimoni di Geova
occorre valutare urgentemente  
le seguenti  proposte di riforme bibliche :

1°  Riforma del Corpo Direttivo
(trasparenza delle loro adunanze con resoconti regolari alla fratellanza. Creazione di un comitato per le Riforme Bibliche. Esso dovrà proporre riforme alla luce delle Scritture consultando i fratelli esperti in ogni parte della terra. Il comitato  deve avere l'autorità di mettere all'ordine del giorno delle riunioni del corpo direttivo ,le Riforme che vanno valutate e votate, entro un breve lasso di tempo.)



Riforma della procedure per la nomina degli anziani
(da attuare in modo graduale ,affiancando agli attuali anziani i nuovi scelti dalle congregazioni. Alle votazioni potranno partecipare tutti i battezzati al di sopra dei 20 anni di età ,mentre i nuovi potranno partecipare dal 2° anno dopo la data del loro  battesimo come testimoni di Geova )



Riforma ed elimminazione del Sorvegliante di Distretto
per liberare risorse umane ed economiche
(una figura che può essere sostituita ,dividendo  i compiti e le responsabilità che gestiva,tra gli anziani locali ,i  nuovi C/O  e la filiale di competenza )


Riforma del ruolo di Sorvegliante di Circoscrizione
(attualmente la  visita del C/O non è conforme alla procedura descritta nella Bibbia, spesso la visita invece di portare sollievo ai consapevoli crea danni alla parte sana della congregazione, inoltre mantenere tutti questi professionisti della fede pone eccessivi costi sulla fratellanza)



Riforma sostanziale o eliminazione dei Comitati Giudiziari
e Speciali
(Non vi è un passo diretto della bibbia che parli di questi comitati giudiziari,la procedura dovrebbe ricalcare la direttiva che lo stesso figlio di Geova ha insegnato- vedi Matteo 18.
In Israele antico, i giudici siedevano alle porte delle città e giudicavano di fronte al popolo, questo serviva per evitare sotterfugi e incuteva rispetto per la giustizia. Il sistema era trasparente e l'israelita anche con pochi mezzi era protetto dall'ingiustizia. Vi erano anche disposizioni per i peccatori involontari tramite città di rifugio. Oggi chi subisce un giudizio ingiusto nel popolo di Geova, non ha modo di far valere i principi biblici di onestà e giustizia )



Riforma della  pratica della Disassociazione
(come primi passo di buona volontà bisogna eliminare la disassociazione al di sotto dei 18/20 anni, poi eliminare tutte le regole umane aggiunte all'insegnamento della parola di Dio. Gesù non esitava a stare in compagnia degli esattori di tasse mangiava con loro e cercava di aiutarli se vedeva almeno una possibilità. Trattare male i disassociati o fare isolamento sociale estremo,non ha nessuna base biblica . Naturalmente ogni caso è diverso dall'altro , la natura delle trasgressioni sono diverse tra loro e alcune implicano gravi responsabilità. In quei casi il trattamento non può essere superficiale . I reati contro la persona non rientrano nella sfera di azione degli anziani, ma di Cesare. L'amore deve guidare ogni cosa nella congregazione.)



Impulso dell'uso del Web nell'opera di predicazione
(anche con la programmazione di applicazioni specifiche per tutte le piattaforme digitali,creando un team specifico per l'innovazione digitale . Dare spazio ai blog e forum in cui i fratelli possano liberamente confrontarsi ed esprimersi. Creare una linea diretta tra la betel locale e la fratellanza tramite un sito apposito in cui ogni proclamatore possa suggerire miglioramenti e possa fare domande su vari soggetti attinenti alla nostra fede) 



Messa in opera di riforme volte alla trasparenza
finanziaria e organizzativa
 (pubblicazione on-line dei report finanziari delle società e delle filiali.Ogni 3 mesi pubblicare un resoconto dettagliato sul sito ufficiale della situazione contabile di filiale, sala congressi e contribuzioni ricevute dalle congregazioni con relative uscite e previsioni.  Semplificazione ed eliminazione delle scatole cinesi ,società create negli anni che  confondono i proclamatori. Dobbiamo avere  poche società e finanze trasparenti .Solo in rari casi occorre tenere la confidenzialità.  Disponibilità sin dal 2014 di accedere ai report finanziari per tutti i proclamatori. Trasparenza organizzativa con adunanze degli anziani rendicontate alla congregazione e pubblicazione on-line  dei criteri di ammissione alle Scuole Teocratiche ,  servizio alla Betel, pionieri speciali, sorveglianti di circoscrizione  ecc..ecc...)



Riforma delle votazioni per le nomine teocratiche
in ogni grado e strutturale
(bisogna dare un segnale forte e chiaro in merito alla lotta alla corruzione rendendo più teocratica la scelta dei fratelli da adoperare negli incarichi )



10° Ripristino di adunanze cristiane in case private e
più in generale riforma di tutte le adunanze per renderle più in armonia con il testo biblico
(i primi cristiani si radunavano in case private e solo in rare occasioni usavano locali adibiti a riunioni di grandi proporzioni)




11°Creazione del Fondo Speciale per i Servitori a Tempo Pieno e Fondo per i poveri. 

(un fondo in cui convogliare risorse, per tutti quei fratelli che hanno speso la loro
vita per l'opera ma che adesso, si ritrovano nella indigenza economica. Sostegno ai poveri come facevano i primi cristiani istituendo un fondo apposito. Questi  possono essere finanziati immediatamente stornando  dalle contribuzioni
che la congregazione invia mensilmente alla società. Potranno usufruire dello storno, le congregazioni in cui ci sono fratelli poveri o ex-servitori a tempo pieno in difficoltà)





per tutti i dettagli vedere questo post






Con affetto cogliamo l'occasione di mandarvi i nostri
più affettuosi saluti.

Attenzione le Riforme sono solo delle proposte e possono anche non essere corrette completamente ma servono ad aprire un dibattito su ciò che si può fare per migliorarci






------------------------------------------ 

14/11/13

ANZIANI, NOMINA E CONFERMA. UN'ALTRA PROPOSTA


Traduzione in lingua inglese  http://jwtheocraticreforms.blogspot.it/2014/05/appointments-of-christian-overseers-or.html



Nelle pagine di questo Blog si è proposta più volte una riforma radicale della procedura di nomina degli anziani, in sostanza si dice che vengano raccomandati dall’intera congregazione (non solo dal cda+co) e nominati dal Cdf nazionale. Come ho già avuto modo di dire, ritengo che una riforma così radicale sia innanzitutto irrecivibile da parte di chi è preposto a farla, cioè il Corpo Direttivo, perché troppo contraria al sistema attuale e nel quale da tempo si apportano correzioni con lo scalpellino e non con la mazza. Ma penso anche che se tale riforma risolverebbe un problema potrebbe però crearne molti altri, e ho anche seri dubbi che sia pienamente scritturale. Ritengo che la causa principale dei problemi di cui parliamo non sia tanto la procedura di nomina ma la scarsa qualità spirituale di chi le nomine le fa. Se questi ultimi avessero lo spessore spirituale che dovrebbero avere andrebbe anche bene così com’è. Ma non avendo i mezzi spirituali per proporre persone migliori di loro ( e di migliori ce ne sono eccome!) questi non fanno che perpetuare se stessi o peggio di se stessi, con le relative conseguenze. Però è anche vero che una modifica nella procedura può attivare quella nuova mentalità necessaria a un salto di qualità e un’attenzione più elevata sul privilegio di servire come anziani.

Prima di tutto, vi espongo cosa capisco io dalle Scritture sulla questione.

COSA DICONO LE SCRITTURE

Nel trattare la direttiva della congregazione cristiana e la sua formazione, io vedo questi punti fermi:

1) In merito alla nomina degli anziani e dei servitori di ministero non troviamo nella Bibbia una procedura dettagliata da usarsi.

2) Nonostante questo, dei sorveglianti delle congregazioni viene comunque detto che erano “costituiti dallo Spirito Santo”-At.20:28.

3) I requisiti per essere nominati anziani-sorveglianti e servitori di ministro sono elencati nelle lettere ispirate di Paolo a due anziani, Tito e Timoteo.

4) L’organizzazione delle prime congregazioni cristiane si ispirava al modello sinagogale e delle comunità giudaiche.

Nell’argomentare quest’ultima, che costituisce il sostrato giudaico sul quale sorge la nuova congregazione, prendiamo in esame i seguenti dati:


Incollo solo questi altri punti tratti dal Perspicacia come enciclopedia biblica:

·        Per comando di Dio, Mosè scelse 70 uomini fra gli anziani d’Israele che erano ufficiali del popolo per farsi aiutare a portare “il carico del popolo”, cosa che egli non era più in grado di fare da solo. (Nu 11:16, 17, 24, 25) Levitico 4:15 menziona “gli anziani dell’assemblea”, e sembra che i rappresentanti del popolo fossero gli anziani della nazione, i suoi capi, i suoi giudici e i suoi ufficiali. — Nu 1:4, 16; Gsè 23:2; 24:1. ..In Israele uomini responsabili agivano spesso per conto del popolo. (Esd 10:14) [ it-1 p. 549 Congregazione]

·        Quando Mosè, quale rappresentante di Dio, propose il patto della Legge alla nazione, furono gli “anziani” che rappresentavano ufficialmente il popolo a stringere tale relazione di patto con Geova. (Eso 19:3-8) …

In seguito gli israeliti, da nomadi, conquistata la Terra Promessa, tornarono a vivere in villaggi e città, come avevano fatto in Egitto. Gli anziani erano dunque responsabili del popolo a livello di comunità. Costituivano un corpo di sorveglianti per le rispettive comunità e agivano in qualità di giudici e funzionari per amministrare la giustizia e mantenere la pace, il buon ordine e la salute spirituale. — De 16:18-20; 25:7-9; Gsè 20:4; Ru 4:1-12.              [it-1 p. 151 Anziano]


Per non allungare troppo l’articolo vi prego di leggere da voi stessi:

it-2 p. 986,987 SINAGOGA>Analogie con le adunanze cristiane,

it-1 p.869,870  ESPULSIONE>Il Sinedrio e le Sinagoghe/Nella congregazione cristiana (questo è utile anche per la questione Disassociazione che tratterò in un ulteriore articolo)


Dobbiamo tenere conto di quanto sopra nel cercare di comprendere il linguaggio neotestamentario quando parla di “anziani” perché i fedeli delle prime congregazioni erano in gran parte giudei già abituati ad un modo di vivere l’appartenenza a una comunità religiosa. Non sto a riscrivere cose già scritte negli articoli già pubblicati in http://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2013/10/atti-1423-parte-2autore-robin.html e http://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2013/10/nomine-di-anziani-e-atti-1423in.html ma, chiedo, quando la Scrittura dice che la congregazione, o la moltitudine, proponevano qualcuno, alla luce del contesto giudaico descritto sopra, è ragionevole pensare che venisse interpellata l’intera congregazione con tutti i componenti?

La prima volta che trovo una simile consultazione è la scelta dell’apostolo che deve sostituire Giuda Iscariota, Atti 1:15-23, (la congregazione cristiana non era stata ancora costituita):

15 Ora in quei giorni Pietro si alzò in mezzo ai fratelli e disse (la folla di persone era nell’insieme di circa centoventi): 16 “Uomini, fratelli, era necessario che si adempisse la scrittura che lo spirito santo dichiarò in anticipo per bocca di Davide intorno a Giuda……. È perciò necessario che…. uno di questi uomini divenga con noi testimone della sua risurrezione”.23 E ne proposero due, Giuseppe chiamato Barsabba, che era soprannominato Giusto, e Mattia..


Chi propose i due? Fu fatta una specie di votazione generale fra tutti? Il gruppo dei 120 era composto sia di uomini che donne ma al v.16 Pietro fa la richiesta a “uomini, fratelli”, [ἄνδρες (maschi) ἀδελφοί],  forse anche per questo una vecchia Domanda dai Lettori diceva “[Evidentemente i cristiani di sesso maschile presenti]” -w72 15/11 p. 70. Dopotutto la scelta degli apostoli fu fatta da Gesù in persona dopo una notte di preghiera, considerando anche l’abitudine giudaica nell’organizzarsi cosa è più logico immaginare che sia successo?


Fra i requisiti del sorvegliante esposti in 1 Timoteo cap.3 c’è “non un uomo convertito di recente”. E’ ragionevole pensare che i neoconvertiti partecipassero alla valutazione dei requisiti dei nuovi sorveglianti? Con quale maturità ed esperienza potevano fare un simile esame?


La nomina di Timoteo è descritta in 1 Timoteo 4:14: “Non trascurare il dono che è in te, che ti fu dato mediante predizione e quando il corpo degli anziani(presbyterìou) impose le mani su di te.”


Dopo aver esposto a Timoteo i requisiti dei nominati gli dice:

(1 Timoteo 5:22) 22 Non porre mai le mani affrettatamente su nessun uomo;...

E’ chiaro che l’avvertimento dato a Timoteo indica che doveva fare lui una valutazione sull’uomo, in modo da non porre le sue mani affrettatamente.


Paolo, nella seconda lettera, attribuisce sempre a Timoteo la valutazione di uomini fedeli ai quali affidare l’insegnamento di ciò che aveva imparato da lui:

“E le cose che hai udite da me col sostegno di molti testimoni, queste cose affidale a uomini fedeli, che, a loro volta, siano adeguatamente qualificati per insegnare ad altri”. (2 Tim. 2:2)


Da quanto sopra mi sembra evidente che la valutazione di un nuovo anziano debba essere fatta da persone spiritualmente mature e non da discepoli appena battezzati o poco più che bambini anche se già battezzati.


L’OPINIONE DELLA BASE

Con questo non voglio dire affatto che l’opinione della BASE non conti, tutt’altro!

Sono le stesse Scritture a rilevare l’eccellente opinione che si aveva di alcuni a conferma del loro incarico, come ad esempio queste:

(Atti 16:1, 2) E arrivò a Derbe e anche a Listra. Ed ecco, là c’era un certo discepolo di nome Timoteo, figlio di una donna giudea credente ma di padre greco, e di lui rendevano buona testimonianza i fratelli di Listra e di Iconio...

(2 Corinti 8:17, 18) .... Ma con lui mandiamo il fratello la cui lode riguardo alla buona notizia si è sparsa in tutte le congregazioni...

(Giacomo 3:13) Chi è saggio e ha intendimento fra voi? Mostri mediante l’eccellente condotta le sue opere con la mitezza che appartiene alla sapienza...



Anche nelle pubblicazioni dello Schiavo troviamo questo pensiero riguardo alla nomina degli anziani:


*** w84 15/2 p. 23 par. 5 “Ricordate quelli che prendono la direttiva fra voi” ***

Tenete presente che spesso ci vogliono molto più tempo e discussioni per rimuovere un anziano non qualificato di quanti non ne siano stati impiegati nel raccomandarne la nomina. Un’ulteriore indicazione da tener presente è infatti se i componenti della congregazione trattano il fratello come se fosse un anziano già prima della sua nomina. Si è guadagnato il loro rispetto soddisfacendo i requisiti biblici al punto che non ci sono dubbi sulla raccomandazione?


*** w79 1/6 p. 18 par. 7 Uomini saggi, discreti ed esperti per guidare il popolo di Dio ***

7 In realtà, nella maggioranza dei casi l’uomo raccomandato come anziano di congregazione dovrebbe essere uno che i componenti della congregazione considerano già come un ‘fratello maggiore’, nel senso che si è già conquistato la loro stima e fiducia avendo dimostrato perspicacia, equilibrio e giudizio. Nessuno in effetti può “rendere” anziano qualcuno, ma egli deve diventare tale mediante crescita e formazione spirituale e con l’esperienza. (Prov. 1:2-5; 4:7-9; Giac. 3:1, 13) Quando un tal uomo è scelto per servire con questo incarico, la sua nomina è in sostanza un riconoscimento delle buone qualità di anziano che già manifesta. Nell’antico Israele, come in altri paesi, quando un uomo era notato dal locale consiglio degli anziani per le sue qualità di santa sapienza, giudizio e discrezione era evidentemente invitato a far parte del consiglio e a partecipare alle sue discussioni e decisioni. — 1 Tim. 5:22, 25.


LA PROPOSTA
Tenuto conto di tutto quanto sopra, e per non dilungare eccessivamente il post, penso che la disposizione attuale dovrebbe essere corretta per evitare che aspiranti VACCARI diventino o rimangano anziani. Vedo praticabile innanzi tutto una “verifica” ogni 3/5 anni di ogni nominato con la consultazione della parte più matura della congregazione, fratelli e sorelle oltre una certa età che hanno almeno 5 anni di fedele servizio alle spalle. Anche in occasione della raccomandazione di un nuovo SM o anziano si potrebbe disporre un adunanza con questo gruppo rappresentativo della Base i quali daranno la loro opinione compilando una scheda anonima con un SI o un NO corredato, in caso di NO, del requisito biblico non sufficientemente soddisfatto. Questa consultazione la vedrei ancora più efficace per la “verifica” triennale/quinquennale del nominato. Anche se ufficialmente l’esito della consultazione non avrà effetti automatici sulla nomina avrà però un peso ENORME nella raccomandazione che faranno il Co+Cda e nella decisione di nominare/confermare o no l’interessato da parte del Cdf. Naturalmente prima di un cambio del genere bisognerà preparare il terreno con una serie di articoli a pioggia che responsabilizzi i fratelli sui principi e il motivo del cambiamento. Consultare l’intera congregazione non lo ritengo appropriato oltre che per i motivi scritturali già esposti, anche perché i VACCARI quando serve sanno far bene i ruffiani e costruirsi il consenso da parte dei semplici, inclusi quelli che hanno bastonato pochi mesi prima. Li conosco gli IPOCRITI. Nei mesi precedenti la “verifica” farebbero quello che fa prima delle elezioni il noto politico italiano che dispone del controllo di molti media e si guadagna ogni volta qualche milione di voti che due mesi prima non c’erano. La procedura che propongo può essere riveduta e corretta in vari modi ma credo di aver reso l’idea.

16/07/13

RIFORMA 11°......FONDO PER I SERVITORI A TEMPO PIENO




ANTEPRIMA 11 RIFORMA


Istituzione del "Fondo Speciale dei Servitori a Tempo Pieno".





Molti pionieri,missionari,beteliti,sorveglianti di circoscrizione e di distretto,sono avanti con gli anni e alcuni hanno dovuto smettere il servizio speciale,per varie motivazioni indipendenti dalla loro volontà.

A motivo della riconoscenza e del loro strenuo lavoro svolto negli anni,a favore degli interessi del Regno,e per non mettere in difficoltà questi fratelli operosi ,una volta che sono impossibilitati a continuare il servizio a tempo pieno,possono far richiesta del ""REDDITO MINIMO  PER SERVITORI SPECIALI"" a cui si potrà attingere a cospicue risorse, condivise equamente.

E' una Riforma che possiamo definire a "COSTO ZERO".

I fondi già ci sono, e molti se ne potranno aggiungere, con le varie dismissioni di beni del Regno, in quelle parti del mondo ove si è ridotto il personale betel e accorpate/centralizzate le stamperie .

Parliamo di parecchi milioni di dollari ,forse possiamo arrivare a 50/200 milioni di dollari,(questi calcoli non sono ispirati ,ma approsssimativi e al ribasso) che potrebbero essere usati sin da subito per questo eccellente scopo.Pensiamo oltre che un dovere da parte dell'organizzazione sia anche un modo di onorare Geova e quelli che si sono spesi con tutta l'anima per l'opera.Nessuno si dovrà arricchire ,si possono mettere in moto quei meccanismi idonei affinchè la cosa pubblica sia gestita in modo equo e solidale.

I fondi ci sono e superano abbondantemente l'effettiva necessità .




Con affetto la Resistenza

04/07/13

Un parere sulle riforme da anonimo italiano




Vorrei commentare una per una le dieci proposte.
Anonimo Italiano


POSSO CHIEDERE ?


1)RIFORMA DEL CORPO DIRETTIVO.
Che il Corpo Direttivo accetti di riformarsi con un incarico a tempo mi pare difficile. Che invece allarghi la rappresentatività del popolo di Dio a più elementi magari presi da ogni continente, con autorità di coordinamento e indirizzo spirituale, con il compito di fornire cibo spirituale e preservare la purezza dottrinale del popolo di Dio ma senza compiti amministrativi, mi sembra ottimo. Insomma una struttura organizzativa leggera dove questi cari fratelli sono concentrati sul ministero cristiano.




2) RIFORMA DELLE NOMINE NELLE CONGREGAZIONI
Ho solo un dubbio. Il fatto di permettere alla congregazione di esprimere il suo parere non rischia di creare correnti, divisioni e fazioni, come in ogni partito politico? Il sistema di filtro attuale (raccomandazione degli anziani) va solo perfezionato con una preparazione pastorale anticipata e tutto va fatto in trasparenza, senza raccomandazioni riservate.

3) ELIMINAZIONE DEL RUOLO DI SORVEGLIANTE DI DISTRETTO
Realizzata.


4) RIFORMA DEL SORVEGLIANTE DI CIRCOSCRIZIONE
Mi sono già espresso. Ribadisco un concetto: chi serve in questo compito deve essere un fratello e non un funzionario in carriera. Quindi uno con moglie e figli, che si mantiene di suo e con compiti limitati all'opera pastorale, l'insegnamento e il ministero. Basta moduli, scartoffie, relazioni confidenziali e tutta sta burocrazia che appesantisce e distorce un compito meraviglioso.


5) ELIMINAZIONE ISTANTANEA DEI COMITATI GIUDIZIARI
Qui più che una eliminazione propendo per una riforma. Mi spaventa l'idea che i fratelli si esprimano sui peccati. Si rischiano giudizi basati sulle emozioni e non sul pentimento reale.
Va snellita a mio parere la casistica dei peccati limitandosi semplicemente a quelli chiaramente indicati dalle Scritture e molte cose oggi considerate trasgressioni vanno trattate solo come debolezza spirituale. Va evitata la pratica del battesimo dei bambini (non battezziamo neonati ma battezziamo bambini di 8-9 anni!) per non trovarsi poi a giudicare un adolescente in tempesta ormonale.Va creato un sistema di controllo durante l'incontro con il peccatore che concili il rispetto per la privacy del peccatore con la verifica di quanto dicono e fanno gli anziani.













------------------------------

26/06/13

TDG BLOG-FORUM :Atti capitolo 6:1-7 ....cercate fra voi 7 uomini



Atti  6:1-7
...Ora, in quei giorni, mentre i discepoli aumentavano, sorse un mormorio da parte dei giudei di lingua greca contro i giudei di lingua ebraica, perché le loro vedove erano trascurate nella distribuzione di ogni giorno.  E i dodici, chiamata a sé la moltitudine dei discepoli, dissero: Non è piacevole che noi lasciamo la parola di Dio per distribuire cibo alle tavole.  

Quindi, fratelli, CERCATE  fra voi sette uomini che abbiano buona testimonianza, pieni di spirito e sapienza, affinché   LI COSTITUIAMO su questa faccenda ....
E la cosa detta piacque  all’INTERA MOLTITUDINE , e  SCELSERO  Stefano, uomo pieno di fede e spirito santo, e Filippo e Procoro e Nicanore e Timone e Parmena e Nicolao, proselito di Antiochia; e li posero DAVANTI  agli  apostoli,  e,  dopo aver pregato,  QUESTI posero su di loro le mani.  QUINDI la parola di Dio cresceva, e il numero dei discepoli si moltiplicava moltissimo a Gerusalemme; e una gran folla di sacerdoti ubbidiva alla fede.
 
___________________________________




Come abbiamo letto, erano i fratelli locali che dovevano attivarsi per cercare  uomini adatti a quel servizio per le congregazioni. Una volta trovati, questi fratelli furono presentati agli apostoli affinché li ponessero sopra quella mansione speciale . Evidentemente gli apostoli fecero l'atto pubblico di nomina imponendo su di loro le mani, ma la scelta effettiva dei candidati  venne compiuta dai fratelli del posto. 

L'intera moltitudine si riferisce evidentemente sia a fratelli che sorelle della zona di Gerusalemme.
- Vedi anche DEUTERONOMIO 1:13

  Da questo principio scritturale di Atti capitolo 6, è plausibile una richiesta  di RIFORMA  della procedura delle nomine nella congregazione cristiana . Questa riforma dovrebbe tenere in conto il parere di tutta la congregazione locale sia nella nomina degli anziani che dei servitori di ministero . Anche le sorelle battezzate da almeno 3 anni dovrebbero partecipare alla disanima dei candidati e apportare il loro contributo, poichè la bibbia non lo esclude a quanto sembra di capire dal testo biblico.








--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

09/06/13

TDG : Atti 14:23 " ..Li costituirono anziani " .



                                                       Il Professore
Il Professore

Ho preso in considerazione la scrittura di Atti 14:23 da un altro punto di vista ,quello biblico !! La sua spiegazione in buona parte è basata sui testi di Russel , nulla di nuovo ma un rispolvero di libri scritti oltre 100 anni or sono.


 Basi Bibliche per le Riforme 

Guardare qui per confrontare traduzioni bibliche



   Cerchiamo di analizzare brevemente questo passo biblico in relazione alle procedure della congregazione cristiana, in merito a come devone essere fatte le nomine di anziani e sorveglianti . In Atti 14:23 è scritto : " Costituirono (gr. Kirotoneo )  per loro anziani in ciascuna congregazione… "
 Kirotoneo è una parola greca, che letteralmente traduce “..ordinare stendendo la mano…per alzata di mano.. e solo come secondo significato “nominare…scegliere..” vedere il libro Proclamatori  alle pagine indicate nel riferimento in fondo a questo post.

     In un'altra scrittura Giovanni 15:16 , viene usata dallo scrittore una parola diversa  da kirotoneo. Gesù dice: “ Voi non avete scelto me , ma io ho scelto voi, e vi ho costituiti (gr. titheni)  Perché andiate….”  . Titheni  ,diversamente da kirotoneo, significa : “ nomina diretta…costituire…scegliere..” . In questo  passaggio è Gesù stesso che compie l'azione e sceglie gli apostoli, ...è un atto diretto senza alcun passaggio ulteriore.
In 1 Timoteo 2:7, l'apostolo Paolo afferma  :”…..fui costituito (gr. titheni ) predicatore e apostolo......” , questa ordinazione, come spiega la Bibbia , non fu per atto di nessun uomo  in Galati 1:1 infatti si legge : “Paolo apostolo, né da parte degli uomini né per mezzo di alcun uomo, ma per mezzo di Gesù Cristo e di Dio……..” . Perciò nel testo biblico in greco, troviamo due termini per indicare la nomina o la costituzione di uomini in incarichi di sorveglianza e apostolato.
Ossia :
titheni - nomina diretta 
kirotonèo - costituire o nominare per alzata di mano .


  A questo punto sorge una domanda :
Esistendo in greco il termine  thiteni  perché in Atti lo scrittore Luca ,usa la parola greca kiritoneo che ha il significato di ordinare per alzata di mano ? Perché Luca non usa Thiteni ?


Nomine teocratiche con votazione dell'ekklesia locale


Che questa conclusione possa essere quella giusta, lo si può notare, esaminando un altro passaggio biblico, quello di 2 Corinti 8:19.  Paolo parlando di Tito dice :””……ma è stato anche costituito ( gr. kirotoneo) dalle congregazioni  per essere nostro compagno di viaggio…..””
 In questo passo viene detto esplicitamente che furono le congregazioni a scegliere e nominare Tito e costituirlo per quell'incarico per accompagnare Paolo nei suoi viaggi, lo costituirono per votazione, le congregazioni del posto.

Ora comunque notiamo un altro versetto della Bibbia che descrive l'atto dell'ordinazione di anziani nelle congregazioni e che è stato frainteso da molte organizzazioni religiose in primis la Chiesa Cattolica e il Papato. 

 Questo passo è Tito 1:5. 
Qui si usa il termine greco  kathestemi.
""Per questa ragione ti ho lasciato a Creta,affinchè tu corregga le cosa difettosa e faccia nomine di anziani di città in città..."".  A prima vista, sembra che Tito aveva una speciale autorità, quella di fare nomine di anziani senza tener conto delle congregazioni locali. Questo è tuttora il sistema in uso nel cattolicesimo e tra gli episcopaliani e questo passo biblico è il loro punto cardinale per questo modo di procedere nel governo della congregazione.

       Essi, i cattolici e gli altri, affermano che i loro vescovi hanno l’autorità ,che viene loro dagli apostoli,di costituire e nominare Anziani, senza il voto o il parere della congregazione o chiesa locale. Ma leggendo il versetto di Tito per intero ,non deve sfuggire  la clausola finale  : “ ….faccia nomine di città in città ,come ti ho ordinato..”.  Paolo, come abbiamo visto in precedenza,usava il metodo kirotoneo, ossia per alzata di mano (vedi atti 14:23), quindi per logica, Tito avrebbe seguito il suo ordine, o il suo modo di  fare nomine,  cioè insieme alla locale congregazione per votazione ad alzata di mano.

      Tito, con la sua esperienza e i consigli dello spirito santo ricevuti tramite Paolo, avrebbe suggerito alle congregazioni chi scegliere e quali qualità osservare, e la congregazione locale avrebbe cercato i suoi consigli e li avrebbe tenuti in conto, ma la nomina effettiva pare evidente avvenisse con la partecipazione di tutto il corpo,  tutta la congregazione locale.

La responsabilità và messa dove Dio l’ha messa,e cioè nella congregazione,la cui preoccupazione è quella di 1 Giovanni 4:1, che esorta i cristiani a provare le espressioni ispirate per vedere se hanno origine da Dio. In ogni caso ,il parere della congregazione deve assolutamente essere tenuto in conto, per molte ragioni.

Supponiamo che Tito, avesse nominato Anziani non congeniali ai fratelli locali,per quanto tempo avrebbe trionfato e regnato la pace in quella congregazione ? Quanto lavoro pastorale ,o quanto altro servizio un tale Anziano avrebbe svolto se egli era sgradevole ai sentimenti della congregazione locale ? Essendo uno venuto da fuori e non conoscendo bene i fratelli che doveva nominare come poteva fare una scelta idonea e in armonia con lo spirito santo? Chi effettivamente poteva vedere se non i fratelli e membri della locale congregazione se questi era idoneo come anziano ?

      Il nostro caro fratello Russel disse in una occasione : " .....è lo spirito degli intrighi preteschi che cerca di avere il dominio sull’eredità di Dio,e non l’insegnamento degli apostoli ad aver creato e diviso il popolo di Dio in 2 classi distinte .Nessun Anziano ha alcuna autorità di nominarsi da solo, è la congregazione che fa le nomine nel modo indicato dalle Scritture Kirotoneo per votazione. Interessante anche ciò che avviene in Atti 13:1-3 dove lo spirito santo indicò a tutti i cristiani in quel posto di nominare Paolo e Barnaba per un'opera particolare, questi fratelli posero su di loro le mani in segno di nomina sarebbe da approfondire questi versetti in relazione alla riforma.
     Vedi libro Proclamatori pagine da 215-219  e il  VI volume degli Studi sulle Scritture di Russel pagine da 274-277.

Un caro saluto


PS  Il fatto che le congregazioni scelsero Tito per l'opera di sorvegliante viaggiante,dimostra che è possibile e  biblico, riformare il ruolo del sorvegliante di circoscrizione,come nel 1° secolo ,può essere eletto dalle congregazioni della circoscrizione,o meglio dagli anziani della circoscrizione, riuniti a tale scopo.

    L'elezione con il voto per alzata di mano  di tutti i proclamatori battezzati della congregazione locale, non significa che passiamo ad un sistema democratico,tutt'altro.
Rimane un sistema teocratico ,a tutti gli effetti,poiché i fratelli ,hanno i requisiti biblici a disposizione, e cercheranno la guida di Geova con la preghiera ,per scegliere fratelli idonei al ruolo di anziano o sorvegliante,e potranno con l'aiuto dello spirito santo,essere i garanti dell'operato di questi servitori.Quindi è teocratico al 100 per 100 ,solamente si sposta la responsabilità a tutto il corpo della congregazione.Già adesso per altre motivazioni si fanno votazioni per alzata di mano ,quando in congregazione si devono fare delle risoluzioni in merito a delle spese importanti.


--------------------------