Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

30/10/14

L'organizzazione che vorrei


Numeri 11 :29
Comunque, Mosè gli disse: “Provi gelosia per me? No, io vorrei che tutto il popolo di Geova fossero profeti, perché Geova porrebbe su di loro il suo spirito!” 



Cari fratelli

L'organizzazione che vorrei è fatta di persone che soppesano quello che fanno e applicano i principi come ha fatto Giuseppe figlio di Giacobbe, nel momento della prova. Sarebbe davvero bello che si cambiasse il senso del paradigma di casa in casa. Vorrei che diventasse in “di persona in persona” ristabilendo il senso che i primi cristiani avevano dato alle indicazioni di Gesù. Facendo diventare il servizio di divulgazione della parola di Dio non un opera da rappresentati in cerca di rappresentanti ma un opera fatta di fedeli in cerca di fedeli. Nell'organizzazione che vorrei i territori diventano le persone e così il servizio verrà fatto anche sui social network sulle entrate dei grandi magazzini o dei parchi pubblici e la predicazione informale quella “senza cravatta” prenderà sempre più importanza. Nell'organizzazione che vorrei il rapporto non è quello di servizio ma è un rapporto delle opere di fede. Un rapporto dove segno non solo le ore dedicate alla predicazione ma segno il tempo che dedico per la preparazione e la presenza alle adunanze, le visite che faccio ai miei fratelli a tutte le attività che svolgo per l'opera del regno come quelle di pulizia della sala. Con questo rapporto in mano molti si accorgeranno che stanno già facendo i pionieri senza accorgersene e si sentiranno meno indegni di appartenere al popolo di Dio. Il rapporto in tutti i casi sarà volontario e solo chi lo farà riceverà privilegi all'interno della congregazione. Non esisteranno altri rapporti come quelli di presenza alle adunanze perchè saranno inutili. Nell'organizzazione che vorrei ci sarà ancora la disassociazione ma solo per apostasia. Tutti gli altri peccati saranno trattati con la necessaria durezza e con la perdita dei privilegi. Nell'organizzazione che vorrei i privilegi saranno tanti e tutti dovranno avere la possibilità di riceverli. Se un fratello non ha qualità oratorie non dovrà sentirsi più squalificato di altri. Nell'organizzazione che vorrei anche le sorelle devono avere incarichi e non c'è bisogno che debbano dimostare sottomissione ad un uomo perchè l'unica sottomissione da dimostrare la dobbiamo a Dio. Anche loro devono avere l'opportunità di rendere conto delle responsabilità che si sono assunte nella congregazione.

II Corinti 11:1
Vorrei che mi sopportaste in qualche piccola stoltezza. Ma, in realtà, voi mi sopportate! 2 Poiché sono geloso di voi con una santa gelosia, poiché vi ho personalmente promessi in matrimonio a un solo marito per presentarvi come casta vergine al Cristo. 


Nell'organizzazione che vorrei cambierei il nome di "sorvegliante" perchè in molti casi da l'idea al fratello, di pensare che il suo mandato sia di controllare e verificare le attività della congregazione con ad esempio i rapporti di servizio. ( alcuni ne sono stati talmente coinvolti che andavano in giro a dire che attraverso il rapporto erano in grado di diagnosticare le malattie spirituali del fratello, se non l'avessi sentito con i miei orecchi non ve lo ripeterei ). Al suo posto metterei quella di consigliere o di agente per l'opera del regno per ricordargli che invece è li per collaborare e per sostenere i fratelli. Questo non toglie l'autorità che è necessario abbiano ma dona loro maggiore dignità nell'importante ruolo che compiono. Nell'organizzazione che vorrei non mi pongo il problema se mia figlia adolescente non si è ancora battezzata. Non mi pongo nemmeno il problema se mia figlia abbraccerà o meno la mia stessa religione. Questo perchè io ho fatto una libera scelta ed è giusto che la faccia anche lei. Mi impegnerò strenuamente per istruire mio figlio o mia figlia nel fargli conoscere quanto Geova è un dio amorevole e quanto sia importante nella mia vita, ma non la obbligherò a battezzarsi a 15 anni ne a qualsiasi altra età. Nell'organizzazione che vorrei nessuno deve nascondere un qualsiasi tipo di abuso fisico e psicologico su bambini e adolescenti. Chi copre un pedofilo o un abominevole incesto deve essere considerato complice di quel reato.


Nell'organizzazione che vorrei ci sarà una sola adunanza infrasettimanale ed è quella dello studio di libro all'interno delle famiglie. Sarà fatta il martedì e ci sarà una piccola sezione della scuola di ministero per organizzare le attività di servizio settimanali. Nell'organizzazione che vorrei i fratelli della congregazione possono essere presenti alle adunanze e alle assemblee sfruttando le tecnologie alternative. Nell'organizzazione che vorrei i fratelli che usano le tecnologie alternative si vestono come se fossero all'adunanza e saranno sempre puliti e ordinati con veste convenevole. Nell'organizzazione che vorrei non userò la camicia bianca per distinguere un fratello allineato da uno disordinato. Nell'organizzazione che vorrei chi fa l'università dovrebbe ricevere un bonus per le ore nel rapporto delle opere di fede. Chi fa l'università sarà richiesta più responsabilità e dovrà servire i fratelli e le sorelle con le qualità del frutto dello spirito. Nell'organizzazione che vorrei le contribuzioni non devono servire per mantenere in piedi per forza una industria editoriale. C'è il web e i tablet... a che serve ? Nell'organizzazione che vorrei le contribuzioni finiscono in un conto unico e saranno utilizzate da una amministrazione che deciderà il suo uso. Nell'organizzazione che vorrei il totale delle contribuzioni ricevute non sono rese pubbliche ma saranno rese disponibili a tutti quelli che ne vorranno fare richiesta. I soldi sono solo uno strumento e non sono mai un fine da raggiungere.
Nell'organizzazione che vorrei rispetterò la grande risorsa che è l'unità in tutto il mondo e mi asterrò dal creare divisioni fra i miei cari fratelli.

Galati 4:18,20
18 Comunque, è eccellente che vi si cerchi zelantemente in ogni tempo per un motivo eccellente, e non solo quando io sono presente fra voi, 19 figlioletti miei, per i quali sono di nuovo nelle doglie del parto finché Cristo si formi in voi. 20 Ma vorrei essere presente fra voi proprio ora e parlare in modo diverso, perché sono perplesso riguardo a voi.


Nell'organizzazione che vorrei non mi stupisco se un fratello dal podio inizia e dice “Cari fratelli l'organizzazione che vorrei..

11/10/14

Come sopravvivere nel tempo della fine – Il settarismo



Proverbi 2:1,9
2 Figlio mio, se riceverai i miei detti e farai tesoro dei miei propri comandamenti presso di te, 2 in modo da prestare attenzione alla sapienza col tuo orecchio, per inclinare il tuo cuore al discernimento; 3 se, inoltre, chiami l’intendimento stesso e levi la voce per lo stesso discernimento, 4 se continui a cercarlo come l’argento, e continui a ricercarlo come i tesori nascosti, 5 in tal caso comprenderai il timore di Geova, e troverai la medesima conoscenza di Dio. 6 Poiché Geova stesso dà sapienza; dalla sua bocca procedono conoscenza e discernimento. 7 E ai retti egli riserverà la saggezza; per quelli che camminano nell’integrità egli è uno scudo, 8 osservando i sentieri del giudizio, e custodirà la medesima via dei suoi leali. 9 In tal caso comprenderai la giustizia e il giudizio e la rettitudine, l’intero corso di ciò che è buono.

Giovedì scorso, una bambina con il vestitino turchese era seduta nella sedia davanti a me. Era tutta indaffarata in chissà quali mansioni da svolgere. La madre era ed è una giovane sorella e stava ascoltando con attenzione il discorso dal podio, sempre però tenendo d'occhio la piccola che continuava con il suo d'affare. Devo essere sincero ero piacevolmente distratto nel vedere quella impresa in piena attività mentre stava riempiendo di colori quell'inerme foglio bianco. Tre matite e un evidenziatore bastarono per tracciare e riempire quelle fantasiose forme vacue che chissà quale significato assumevano per lei in quel momento. Così distolsi un attimo lo sguardo e notai il contrasto che si era creato fra l'attenzione di tutti i partecipanti dell'adunanza e chi non stava attento, io e lei per l'appunto.

Matteo 13:21
21 “E allora, se qualcuno vi dice: ‘Ecco, il Cristo è qui’, ‘ecco, è là’, non [lo] credete. 22 Poiché sorgeranno falsi Cristi e falsi profeti e faranno segni e prodigi da sviare, se possibile, gli eletti. 23 Ma voi, state in guardia; vi ho detto ogni cosa in anticipo.


Le vicissitudini che hanno visto come protagonista la Betel Italiana per chi le ha vissute devono essere state emotivamente molto intense. Non sto giudicando il merito della questione ma risulta evidente che i molti interventi accalorati che si possono leggere in questo blog sono evidentemente il risultato di questa attrito che si è creato e accumulato nel tempo. C'è stata una notizia di cronaca di recente che non è assolutamente correlata con la chiusura della stamperia della Betel. Questa notizia infatti riguardava la progettazione del nuovo tempio Mormone che vogliono costruire sempre presso la caput mundi . I mormoni sono un'altra religione cristiana americana “anomala” piuttosto famosa in tutto il mondo, che evidentemente con questa speculazione edilizia spera di ottenere maggiori consensi all'interno del territorio italiano.

II Tessalonicesi 2:3
Nessuno vi seduca in alcuna maniera, perché esso non verrà se prima non viene l’apostasia e non è rivelato l’uomo dell’illegalità, il figlio della distruzione.

L'accusa principale che viene data alla chiesa di Mormon è quella di settarismo, e questo sarà appunto l'argomento di questo post. Questi fenomeni di aggregazione sociale religiosa, hanno un l'indubbia capacità di creare una sotto struttura sociale parallela a quella convenzionale in grado di autosostenersi reclutando un numero sempre maggiore di persone in tutto il mondo. Al settarismo fanno seguito una serie di aggettivi come plagio, coercizione, manipolazione mentale, lavaggio del cervello tutte cose che identificano quella serie di comportamenti attuati dalla setta per ottenere nuovi adepti ma in particolar modo mantenere quelli già aderenti. Il settarismo è correlato ad un altro concetto piuttosto controverso che è il controllo mentale.

II Corinti 3:14
12 Perciò, siccome abbiamo tale speranza, noi usiamo grande libertà di parola, 13 e non facciamo come quando Mosè si metteva un velo sulla faccia, affinché i figli d’Israele non fissassero attentamente la fine di ciò che doveva essere soppresso. 14 Ma le loro facoltà mentali erano intorpidite. Poiché fino al giorno presente lo stesso velo rimane non sollevato alla lettura del vecchio patto, perché è soppresso per mezzo di Cristo. 15 Infatti, fino ad oggi, ogni volta che si legge Mosè un velo giace sul loro cuore. 16 Ma quando c’è una conversione a Geova, il velo è tolto. 17 Ora Geova è lo Spirito; e dov’è lo spirito di Geova, lì c’è libertà. 18 E noi tutti, mentre con facce non velate riflettiamo come specchi la gloria di Geova, siamo trasformati nella stessa immagine di gloria in gloria, esattamente come fa Geova, [lo] Spirito.

Il pilota di una auto da corsa sa che per riuscire a vincere una gara deve conoscere ogni curva del suo percorso di gara, in tutti i suoi dettagli. L'ampiezza, il raggio anche l'angolo del manto stradale sono parte delle proprietà che si devono sapere prima di correre in pista. La velocità di uscita è un parametro molto significativo che permette di capire chi riuscirà a vincere la gara. I corridori che raggiungono le velocità più alte avranno più probabilità di vincere. Ogni pilota sa che questa velocità è fortemente condizionata dalla traiettoria per arrivare al punto di corda della curva. Per impostarla correttamente questa traiettoria però bisogna imparare ad anticiparla con una manovra adeguata.

Anche noi siamo fedeli cristiani sappiamo che la vita è un lungo percorso pieno di curve. Abbiamo imparato che come il pilota impara ad anticipare la traiettoria anche noi dobbiamo essere preparati per affrontare il prossimo ostacolo. Sappiamo che il traguardo non è dopo la curva ma sappiamo anche che se sbagliamo l'entrata quando ci va bene perderemo secondi preziosi ma se ci va male usciremo di strada terminando la corsa prima del tempo. Il libro perspicacia nella definizione del termine Sapienza dice testualmente che è anche la capacità di prevenire i pericoli. ( Deuteronomio 32:6; Proverbi 11:29; Ecclesiaste 6:8). Cerchiamo la sapienza come tesori nascosti e la perseguiamo prevenendo i pericoli che questa vita ci mette davanti ?

Il settarismo è una delle curve che il fedele cristiano potrebbe affrontare nella sua vita. Cosa intendiamo però con il termine settarismo ? E' un atteggiamento mentale personale che porta ad essere faziosi, con accanito spirito di parte, intransigenti, intolleranti. Dei fanatici che non sentono ragioni perche presumono che la ragione sia una, la loro. ( w 1/3/97 )

Perchè è pericoloso il settarismo ? Perchè considerandolo in generale da un punto di vista umano, l'aggregazione delle persone se ha delle premesse sbagliate, potrebbe portare a gravissime conseguenze per gli individui che vi appartengono.  Negli Stati Uniti ci sono numerosi esempi di pericolosissimi gruppi religiosi che si sono macchiati di nefandezze inenarrabili. Questo ci porta a concludere, con non poco disappunto, che le persone, in un certo contesto di eventi, possono arrivare a credere a qualsiasi cosa per quanto questa verità sia folle o delirante. Da qui a dire che i Testimoni di Geova sono una setta di questa stessa risma ci vuole però molta fantasia. Possiamo tranquillamente dire a tutti questi sedicenti apologeti della mistificazione di star tranquilli e di rivolgere la loro attenzione ad altri gruppi, senza molti problemi.

Salmo 15:2
2 Colui che cammina senza difetto e pratica la giustizia
E proferisce la verità nel suo cuore.


Noi di queste persone che pensano solo a demolire la fede ben poco ci curiamo, ma visto che abbiamo deciso di far nostra la verità non abbiamo paura di svelarla ne di confrontarci con essa. Quello che con onestà dobbiamo considerare e se come singoli fratelli siamo dei settari o se abbiamo una tendenza al settarismo. Sul web c'è un fronte molto consolidato di illustri sconosciuti che hanno creato dei modelli per riuscire a comprendere se il comportamento che queste religioni hanno assunto è settario oppure no. Steven Hassan è uno psicologo piuttosto famoso ed ha descritto uno di questi modelli spesso citato per contestare i sistemi di indottrinamento delle presunte religioni. In verità  altrettanto spesso vengono presi ad esempio per contestare religioni come i Mormoni, i Testimoni di Geova e quelli di Scientology.

Ora devo dirvi la verità sentirmi accomunato a religioni come quella dei Mormoni o quelli di Scientology mi viene l'orticaria. Mi sento peggio di quando Hitler ci aveva messo nei lagher in mezzo agli zingari e agli omosessuali. Ora però tralasciando questo sentimento prettamente personale, ( e forse anche un po' settario ) questa considerazione mi ha fatto nascere diverse domande. Eliminiamo tutti i fattori di discriminazione che possono coinvolgerci e analizziamo il problema. Se è vero che l'uomo può essere capace di credere alle più fantasiose stupidaggini ( cerchi nel grano, scie chimice etc. etc... ) di che tipo è invece la mia fede ? E' una fede credulona ? Oppure è una fede solida fondata su reali fondamenta ? Potrebbe invece essere debole come una bandierina che cambia direzione col vento ?

I Pietro 4:9
9 Ma prendete la vostra determinazione contro di lui, solidi nella fede, sapendo che le stesse cose in quanto alle sofferenze si compiono nell’intera associazione dei vostri fratelli [che sono] nel mondo. 

Il modello per capire l'origine settaria di alcune religioni Steven Hassan lo ha chiamato B.I.T.E.. Secondo questo modello il controllo mentale avviene: controllando il comportamento, Le informazioni, i pensieri e le emozioni. ( In Inglese Behaviour, Informations, Thoughts, Emotions, B.I.T.E. ). Questo modello prevede che, se anche una sola di queste quattro componenti viene controllata, l’identità di un individuo può essere sistematicamente manipolata e modificata. Questa semplificazione ha aspetti inquietanti perchè presume una debolezza strutturale del pensiero umano che lascia davvero poco spazio alla libertà di coscienza o al libero arbitrio dell'individuo.

Osea 14:4
4 “Sanerò la loro infedeltà. Li amerò di [mio] proprio libero arbitrio, 

Chiediamoci quindi: sono in grado di rispondere allo Steven di turno e dire di non essere mai stato costretto ne condizionato ne manipolato dal giorno del mio battesimo sino a questo momento ? Essere un Testimone di Geova è davvero come appartenere ad una struttura piramidale multi livello che era l'illlusoria new economy del secolo scorso ? Io dico di no e se qualcuno vuole smentirmi può farlo commentando. Ma d'altra parte se qualcuno non riesce a vedere la verità oltre le regole, possiamo anche chiedere che ben venga la deprogrammazione di Steven . Geova Dio non ha davvero bisogno di una fede di questo tipo, non la tollererebbe e non saremo certo noi a promuoverla. Il nostro creatore oltretutto ha sempre lasciato che l'uomo fosse libero di decidere e che il libero arbitrio agisse sempre nell'uomo sia nel bene che nel male sin dall'inizio dei tempi.

II Giovanni 1:9
9 La vera luce che illumina ogni sorta di uomo stava per venire nel mondo. 10 Egli era nel mondo, e il mondo venne all’esistenza per mezzo di lui, ma il mondo non l’ha conosciuto. 11 È venuto nella propria casa, ma i suoi non l’hanno ricevuto. 12 Comunque, a quanti l’hanno ricevuto ha dato l’autorità di divenire figli di Dio, perché hanno esercitato fede nel suo nome; 13 ed essi sono nati non da sangue né da volontà carnale né dalla volontà dell’uomo, ma da Dio.

Questo Giovedì sono entrato in congregazione distrutto da una giornata di lavoro veramente pesante. Così prima di entrare sono andato in bagno a sciacquarmi la faccia. Mi sono fatto coraggio e sono entrato in sala tentando di ricompormi alla bell'e meglio. La bambina vestita di turchese questa volta la vidi che correva nel corridoio antistante la sala senza la mamma. Poi si è fermata e si è girata verso di me incrociando il mio sguardo. Lei con la semplicità possibile solo a quella età mi guardò sorridendo. Sorrisi anch'io tentando di sostenere il suo sguardo. In quel momento ho pregato in silenzio dicendo “Grazie...” per quel piccolo dono che avevo ricevuto. L'adunanza poteva iniziare.

Romani 16:27
27 a Dio, solo sapiente, sia la gloria per mezzo di Gesù Cristo per sempre. Amen.




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------