Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

27/02/17

Le Urla Del Silenzio - Di Graf



Nell’anno 1984 uscì un film che per una rara vota fu reintitolato in italiano in maniera migliorativa.
Il suo titolo originale era “The Killing Fields” in italiano il titolo divenne: “Le Urla Del Silenzio”.
Raccontava la storia di due persone, un giornalista e un rappresentante locale durante la rivoluzione dei Khmer Rossi in Cambogia e i massacri che ne conseguirono.
Questi “campi di morte” “urlavano” in silenzio nel senso che innocenti subirono morte violenta senza nessuno soccorso o memoria.
Mi sovviene la scrittura di Genesi 4:10 ove Geova dice a Caino: “A ciò disse: “Che hai fatto? Ascolta! Il sangue di tuo fratello grida a me dal suolo”
Che espressione potente!
Abele era morto, non esisteva più, ma per Geova “urlava” in silenzio. La vita di Abele gli era stata tolta ingiustamente. Il suo sangue, il suo diritto alla vita era stato usurpato.
Notiamo che era come se Abele fosse vivo e parlasse ancora, chiedeva giustizia. Dio stesso si faceva suo interprete.
Questa introduzione vuole essere un invito alla riflessione. Alcuni pensano che io voglia in qualche modo abbattere. Mi spiace, ma a chi legge quello che scrivo, voglio assicurare che amo i fratelli che amorevolmente e con cuore prendono la direttiva dando tutto se stessi per far conoscere, esaltare e amare il Nome di Geova e la sua persona. Non credo, con tutto il rispetto per altri scrittori in questo blog, che i cambiamenti possano venire dal “basso”. Niente è cambiato, né nella storia umana, e nemmeno nella congregazione cristiana, in maniera “democratica”. Basta analizzare un poco la storia di ambedue.
Eppure questo non mi limita, e non dovrebbe limitare nessuno a dire la Verità, combattere per la Verità. Questo non significa sbattere in faccia a fratelli e sorelle, atti processuali o renderli forzosamente partecipi.
Molti non hanno i mezzi per sostenere questa Verità. Ecco perché trovo utile un blog. Uno deve cercarlo e decidere di leggerlo, a sua scelta.
Tornando all’argomento “urla” sicuramente la storia del processo Fessler è sintomatica. Spero che chi legge e ha un qualche potere decisionale all’interno dell’organizzazione della WTS ponderi questa Verità scritturale.
Ogni ingiustizia perpetrata su altri esseri umani ha relazione con la rivendicazione della Sovranità di Geova e la santificazione del suo Nome.
Chiunque compia una ingiustizie e di conseguenza faccia soffrire un innocente, tale sofferenza “urla” a Geova stesso, ed è un colpo alla sua Sovranità.
Quindi chi porta il nome di Dio dovrebbe chiedersi: “Sto amministrando la Giustizia oppure sto facendo soffrire un giusto? Ho il potere di rimediare, oppure aggiungo sofferenza a sofferenza?”
Come esseri umani è notevole il nostro senso di giustizia. Proprio perché siamo stati creati a immagine e somiglianza di Geova desideriamo vedere che Giustizia sia fatta. Eppure silenziare una vittima di un abuso la porterà a non risolvere mai dentro di sé queste “urla del silenzio”. In un certo senso gli è stata tolta la sua vita tre volte. Prima l’abusatore la ha privata di crescere coltivando un normale sviluppo emotivo, mentale, e nel caso di abusi sessuali, lo sviluppo dell’affettività sessuale. Purtroppo poi la pretesa di “risolvere” tutto all’interno di un gruppo religioso ha privato la persona di “urlare” per la giustizia. Quindi non ci meravigliamo se persone abusate cercano di far sentire la sua voce dieci, venti o trenta anni dopo. Questi persone hanno “urlato” in silenzio per tutto questo tempo. Ora obbligarli al silenzio una terza volta, in cambio di denaro non risolve e non risponde alla loro richiesta “urlata”. Questo Geova lo sa. Spero cari fratelli Responsabili che ve ne accorgiate anche voi. Voglio dirvi che per ironia, qualcuno aveva affermato che non si debba avvertire l’Autorità per non portare il biasimo sul Nome di Dio. Non pensate che ora tali azioni hanno non solo portato biasimo, ma addirittura prodotto danno alla Contesa Universale?
Cari fratelli, continuiamo a far conoscere il nostro Grande Creatore, far conoscere il suo nome. Mostriamo amore a chiunque avviciniamo. E se qualcuno ci punta il dito contro, facendoci notare gli errori della Organizzazione a cui apparteniamo scusiamoci, chiediamo perdono, ma soprattutto assicuriamoli del fatto che Geova sicuramente interverrà.
Un abbraccio
Graf

La bolla temporale visioni dal futuro: la teo-tecnocrazia. (2° capitolo) - Di Enoc


Non credo che questo caso australiano genererà la caduta del CD e tanto meno dei TdG chiamati in qualsiasi modo o come si chiameranno. Chi è sulla barca per sentimentalismo, interessi, familiarità, e nepotismo, sarà il primo a rinnegare. Ricordate Pietro: aveva zelo da camminare sulle acque, ma poi rinnegò il Cristo. Non spaventiamoci se ci potrà essere un disagio, conseguenze.


D'altro canto, la successione eventi potrebbe essere stravolta, e l'eliminazione della religione, partire da noi. Poi non saremo eliminati per primi, ma la chiesa è in bilico, e nel calderone dei "cristiani" ci siamo anche noi. Credo che non tutto nei dettagli potrebbe avvenire come ce lo siamo immaginati, nei tempi e modi. Spesso le profezie non indicavano come, ma dove e quando. Spesso la nostra immaginazione nel desiderio di conoscere il futuro, per la natura di proteggerci, e prepararci, ci ha spinto a dire come sarebbero andate le cose. Dobbiamo essere solo spettatori di eventi fuori dalla nostra portata.
Forse la famosa bolla temporale è iniziata: nuovi metodi di predicazione, meno sale, meno filiali (scelta ragionevole considerando che si stamperà sempre meno), più multimedialità, in direzione new generation. In questo decennio alleviamo i piccoli tdg con Lele e Sofia, formiamo nuovi anziani giovani teo-tecnoteocratici con video corsi in streaming, diamo impulso al sociale con iniziative multimediali (es.bullismo, matrimonio, lavagne animate), alle attività complementari (espositori mobili), all'uso di professionisti laureati per elevare la qualità dei contenuti (lavoro in remoto), la Tv online (Broadcasting). Il cambiamento è già in atto e sarà inarrestabile. Il cambiamento è la digitalizzazione contro la carta stampata. Questa che avremo, se l'avremo credo sarà l'ultima bibbia cartacea, fatta per durare, quanto basterà per traghettare definitivamente al digitale.  


Allora ci sarà un organizzazione che farà cambiamenti rapidi, con un solo aggiornamento in un clic, e tutto sarà virtuale, forse anche la fede. Adunanze sempre più blindate, guidate, teo-tecnocratiche, congressi sempre più unificati con presenza massiccia di video emozionali per rendere spettacolari gli eventi, predicazione sempre più informale (come è stato recentemente consigliato all'ultima adunanza pionieri), cogliendo l'occasione in posti non formali, come dottore, spesa, gommista (vedi ultima circolare sulla campagna ricerca studi biblici).   

La direzione è chiara: trasformare l'organizzazione, nel frattempo che le generazioni si trasformano, gli anziani di età scompaiono con le classiche attività di un tempo, per lasciare il posto ad una nuova realtà, sempre più social e sempre più teo-tecnocratica.




       


       


     
    
_______________________________                                                                                                                                                                                                               

26/02/17

Come sapere se un sito web o Blog è sicuro ?




Questo blog è sicuro dato che è su piattaforma Blogger di Google
Vi metto a disposizione un link di un sito specializzato in materia per controllare.

Keliweb-strumenti-la-scansione-di-sito 

Potete vedere da voi stessi digitando

proclamatoreconsapevole.blogspot.it   
oppure
proclamatoreconsapevole.blogspot.com .


Controllate anche altri blog e vedete cosa esce fuori. Carissimi non date retta a tutte le notizie che vengono diffuse nel web accertatevi sempre da bereani . Se un broswer segnala problemi non significa che  ci azzecchi sempre. Ad esempio il sito ufficiale del GSE ( Gestore Servizi Elettrici) italiano  dava sito pericoloso ma in realtà evidentemente era impensabile che il GSE diffondesse virus. Naturalmente bisogna sempre stare attenti ai siti che visitiamo e un buon antivirus nel computer è una buona protezione.

E state tranquilli non sono un agente al soldo della burocrazia come dicono alcuni. Ma tanto di Gesù cosa dissero ? Di tutto e di più ed era perfetto figuriamoci di noi cosa possono dire specialmente se nutrono un antipatia o altro. Speriamo si ravvedano e rientrino nella VERA congregazione guidata da Cristo prima che sia troppo tardi.

Allegri siamo nella Verità perseveriamo sino alla fine che si avvicina in fretta. Matteo 24:13,14


__________________________________

25/02/17

Cosa succederà a Marzo 2017 ?


Molti che non amano le Scritture pensano che con il caso australiano si dia la mazzata finale alla congregazione cristiana. Il problema è che avendo perso la fede non capiscono e non conoscono chi guida e dirige la congregazione, ovvero Cristo. Il popolo di Dio rimarrà fedele fino alla fine e una grande folla attraverserà la grande tribolazione. Non servono ne strutture ne soldi per entrare, i primi cristiani servivano radunandosi in case private,  gli unici requisiti sono aver lavato i mantelli nel sacrificio di Cristo e predicare la buona notizia fino alla fine.

Alcuni hanno perso la fede, ma chi ha studiato e ama le Scritture non mollerà la presa sulla Verità e rimarrà attivo e zelante seppur nelle difficoltà. Dio può usare anche elementi esterni per eliminare la burocrazia che sta afflosciando l'ekklesia obbligandoci a fare le riforme bibliche. Questo è il tempo di ritornare anzi vi propongo a tutti gli inattivi(attivi) e disassociati di fare domanda di rientro entro la primavera 2017 così da ingolfare le pratiche burocratiche e dare un segnale spirituale forte ai cavalieri e ai loro alleati esterni.

Siate allegri nel Signore e non date retta alla propaganda valutate sempre da bereani con le Scritture. Abbiamo la Verità continuiamo a farne tesoro e condividere con altri attraverso l'opera più amorevole di tutte : predicare la buona notizia.






___________________________________


22/02/17

Pastor Silente sulle statistiche dell'annuario 2017




Buona attività teocratica a tutti. Vorrei fare un appunto al post del 20 u.s. circa il rapporto dell'anno 2016. una delle cose che mi salta agli occhi nel modo di fare i calcoli da parte dell'autore del post (di Enoc) è il numero, davvero enorme, della differenza tra espulsi ed aumento dichiarato. commento sul rapporto 2016

Non è il modo giusto di fare calcolo. Nel rapporto ci sono le cifre di ciò che è lo specchio della situazione durante l'anno 2016 rispetto all'anno precedente. Inoltre lo scrivente del post dà per scontato che quelli che mancano secondo il suo calcolo siano tutti dissociati o inattivi, senza tener conto che ci sono anche i morti ... e sono tanti se solo nella mia città dove vi sono tre congregazioni per un totale di circa 500 fratelli attivi, vi sono stati 18 morti. Senza contare che gli inattivi spesso lo sono per motivi di salute (solo nella mia congregazione ve ne sono 5 che solo saltuariamente presentano il rapporto con i fatidici 15 minuti).Rapportatelo alla popolazione mondiale dei Testimoni di Geova e vedrete scendere di molto il numero dei presunti "espulsi".


Certo, vi sarebbe molto da dire su come certi fratelli fanno servizio o del perché lo fanno, ma questa è un'altra storia.
Se mi permetto di scrivere è per dire che non si può giudicare senza conoscere i parametri con i quali è stato redatto il rapporto.

-Ro 14:4;Pr 17:9,10 -

Sono concorde con lui sulla necessità di "vere visite pastorali" che tuttavia mancano nella grande maggioranza dei casi quando, per contro, si fanno visite in cui si citano, spesso anche a sproposito, scritture trite e ritrite che spesso ottengono l'effetto contrario (non serve dire che la Bibbia dice questo o quello, ma come metterla in pratica e farlo con discrezione, non come chi pontifica dall'alto della sua nomina) o dove l'unica preoccupazione è quella di far aumentare il servizio e il numero dei pionieri per fare bella figura col viaggiante.


Sì, è vero, l'opera descritta in Matteo 24:14 è l'opera che ci distingue come 'Testimoni', ma essere cristiano significa adempiere a tanti altri requisiti necessari(Giac. 1:4)senza i quali non serve a nulla l'aver speso tempo per girare da una casa all'altra, spesso senza risultato. Ma di questo,se Geova vorrà, parleremo in altra occasione.


A presto, Pastor silente 



___________________________________________

19/02/17

Vademecum della divulgazione critica

Di recente ho ricevuto un tweet da parte di una nuova comunity  chiamata "Parole O_Stili". Incuriosito ho così approfondito un po' la cosa è ho scoperto che è formata da un numero consistente di Giornalisti, scrittori bloggatori di vario genere riuniti per parlare di un problema che stanno affrontando, utilizzando proprio il web come mezzo di divulgazione. Questo progetto infatti nasce come risposta alla crescente ondata di odio indiscriminato che le persone hanno riversato sul web attraverso post, commenti su questo o quel argomento politico, religioso che sia. Questa presa di coscienza è risultata necessaria per arginare l'uso del web nel divulgare tonnellate di messaggi sempre e in eccesso negativi.  Il web è diventato una sorta di calderone emozionale dove riversare un po' troppo semplicemente tutte le frustrazioni vissute dagli internauti. Ovviamente in molti casi ci sono aspetti addirittura malvagi dove le persone divulgano false notizie, odio indiscriminato, provocazioni o accuse infondate queste essendo addirittura reati hanno altre sedi per risolvere la questione.

Per ovviare a questa marea negativa hanno redatto un manifesto di buon costume che ho letto e trovato interessante.  Il blog che contiene questo post è spesso stato oggetto di attacchi di vario genere. In alcuni casi con ondate di post fatte da commentatori che avevano come argomento indiscriminata polemica, quando andava bene, sin'anche il gratuito insulto a questo o quel componente della congregazione. Il blog è stato attaccato anche da detrattori esterni che non di meno si sono distinti anche loro per l'insulto gratuito o per considerazioni insensate sui commentatori o gli amministratori stessi del blog. Come amministratori abbiamo cercato di trovare un difficoltoso equilibrio per arginare questi commenti sforzandosi anche a non rispondere a tutte le fesserie che hanno detto sul nostro conto e dei nostri postatori.


Così ho ripreso questo manifesto che hanno pubblicato contro la divulgazione dell'odio, modificandolo in alcuni punti a mia discrezione, per regolamentare tutte le nostre espressioni critiche in eccesso in modo da rendere post e commenti sempre più consapevoli. Ci sono alcuni punti che meritano una considerazione particolare spero che eventualmente li possiate considerare nei eventuali commenti che farete. Questo può aiutare anche noi come amministratori ad avere un riferimento più concreto sulle cose che possiamo dire e o fare nel blog.

Manifesto contro la divulgazione della critica malsana e dell'odio indiscriminato in rete.


1 Virtuale e reale - Dico o scrivo in rete solo cose che ho il coraggio di dire di persona.
2 Si è ciò che si comunica - Le parole che scelgo raccontano la persona che sono. Mi rappresentano.
3 Le parole danno forma al pensiero - Mi prendo tutto il tempo necessario a esprimere al meglio quello che penso.
4 Prima di parlare bisogna ascoltare - Nessuno ha sempre ragione, neanche io. Ascolto con onestà e apertura perché non ho ragione se non capisco la ragione altrui.
5 Le parole sono un ponte - Scelgo le parole per comprendere, farmi capire e avvicinarmi agli altri.
6 Le parole hanno conseguenze - So che ogni parola può avere conseguenze, piccole o grandi.
7 Condividere è una responsabilità - Condivido testi e immagini solo dopo averli letti valutati e compresi.
8 Le idee si possono discutere le persone si devono rispettare - Non trasformo chi sostiene opinioni che non condivido come un nemico da annientare.
9 Gli insulti non sono argomenti - Non accetto insulti e aggressività gratuita, nemmeno se questi sono a favore della mia tesi.
10 Anche il silenzio comunica - Quando la scelta migliore è tacere, taccio.


18/02/17

Rapporto Mondiale 2016 vs 2015 FACCIAMO UN PO DI CONTEGGI


8.132.358 PROCLAMATORI 2016
1,8 % AUMENTO
7.987.279 PROCLAMATORI 2015


264.535 BATTEZZATI 2016

Significativo un semplice conto matematico: 8.132.358 - 7.987.279 (2015) quindi un aumento di 145.079 e qui il dato è falsato perchè l'aumento si misura al netto delle espulsioni/inattivi

Per avere un conteggio netto 264.535 nuovi battezzati su un aumento di 145.079 sono un totale di 119.456 espulsi/inattivi. 

7.987.279 (2015) - 7.698.377 (2014) differenza +288.902
275.581 BATTEZZATI 2014
+13.321 differenza espulsi/riattivati/riassociati 2015

Quindi dal 2014 al 2016 ci sono stati oltre 100.000 espulsi/inattivi in più. 

 (A questo calcolo devono essere poi considerati
- i decessi avvenuti nel corso dell'anno che si aggirano intorno all' 0,7-1% del numero totale proclamatori)


Questi dati rilevano un malessere, che aggiunti agli oltre 7000 nuovi unti (o presunti), e considerando che una buona fetta dei battezzati sono figli di tdg , confermano un andamento dell'opera che fa riflettere. I 10 milioni di studi biblici in corso, non si dimostrano una garanzia di aumento. La nota interessante è che attraverso la campagna dell'opuscolo "Torna e Geova" migliaia di persone sono rientrate, dimostrazione che sollecitati i pastori hanno fatto un buon lavoro di cura e incoraggiamento.

Credo che il CD si sia reso conto della situazione esprimendo preoccupazione nella parte finale della lettera annuario 2016, indicando che "fino a quando non scadrà il “breve periodo di tempo” concesso al Diavolo, questo malvagio ribelle continuerà a usare ogni mezzo a sua disposizione per farci perdere la determinazione di rimanere leali a Geova (Riv. 12:12)".

Ho recentemente parlato con un anziano, spiegando come l'opera pastorale è essenziale, si nei casi di difficoltà, di cadute, ma lo è ancora di più per rafforzare, incoraggiare e stimolare, una base di famiglie virtuose e mature, che possono trascinare e aiutare il Corpo Anziani a limitare i danni, e ad essere un traino positivo per altre famiglie e singoli.

Nel racconto di Esodo 17 Mosè fu aiutato da Aaronne e Hur a mantenere alte le mani per vincere la battaglia contro gli amalechiti. Quindi il canale rimane quello scelto da Dio, ma tutti gli altri possono dare aiuto pratico, permettendo allo spirito di Geova di operare sulla congregazione. Mosè si fece aiutare perchè capì che da solo non sarebbe resistito molto in quella posizione.

Allo stesso modo, vedendo che i tempi sono improvvisamente cambiati, possiamo sostenere e aiutare gli altri in vari modi. Alcuni fratelli soffrono per vari motivi: vecchiaia, problemi di salute, persecuzione da parte di familiari, solitudine o morte di una persona cara. Possiamo rafforzare anche i ragazzi, visto che spesso subiscono pressioni. Interessiamoci con sincerità degli altri pensando a come aiutarli quando siamo in Sala del Regno, nel ministero, quando mangiamo qualcosa insieme o quando parliamo con loro al telefono.

Anche non essendo pastori nominati, possiamo fare molto per i nostri cari fratelli. I nostri sforzi non passeranno inosservati, sopratutto da Dio.

Un caro saluto 
___________________________

16/02/17

La riforma delle riforme bibliche per il progresso della congregazione: Le nomine nell'ekklesia

Atti  6:1-7
...Ora, in quei giorni, mentre i discepoli aumentavano, sorse un mormorio da parte dei giudei di lingua greca contro i giudei di lingua ebraica, perché le loro vedove erano trascurate nella distribuzione di ogni giorno.  E i dodici, chiamata a sé la moltitudine dei discepoli, dissero: Non è piacevole che noi lasciamo la parola di Dio per distribuire cibo alle tavole.  
 Quindi, fratelli, cercate fra voi sette uomini che abbiano buona testimonianza, pieni di spirito e sapienza, affinché  li costituiamo su questa faccenda ....
E la cosa detta piacque  all’intera moltitudine , e  scelsero Stefano, uomo pieno di fede e spirito santo, e Filippo e Procoro e Nicanore e Timone e Parmena e Nicolao, proselito di Antiochia; e li posero davanti  agli  apostoli,  e,  dopo aver pregato,  questi posero su di loro le mani.  Quindi la parola di Dio cresceva, e il numero dei discepoli si moltiplicava moltissimo a Gerusalemme; e una gran folla di sacerdoti ubbidiva alla fede.

 

 
  Secondo le Scritture qual è la giusta e corretta procedura per fare le nomine
nell'ekklesia ? 




Non c'è bisogni di indovinare perché il testo biblico è molto chiaro e trasparente. Notate che questa direttiva proveniva direttamente dal corpo direttivo del primo secolo chiamato a decidere su di una questione urgente che minava la pace della congregazione.


- Cosa disposero gli apostoli ? Se notate non nominarono 7 uomini di loro fiducia e li costituirono per risolvere la faccenda. Al contrario essi chiesero all'intera moltitudine che comprendeva anziani, proclamatori e donne consacrati a Dio, di cercare 7 uomini con determinati requisiti.


- Una volta che la moltitudine dei fratelli trovò un accordo per i candidati ideali al compito di sorveglianza nella distribuzione del cibo alle vedove, li presentarono agli apostoli che fecero l'investitura  o nomina ufficiale.


- La bibbia indica come conseguenza di questo modo di operare e gestire le nomine una crescita esponenziale nel numero dei discepoli a dimostrazione che quando si fanno le cose a modo e come indicato nelle Scritture (trasparente e a gestione condivisa) vi sia una benedizione copiosa da parte di Dio.

- In vista di questo precedente scritturale possiamo rivedere la gestione delle nomine teocratiche rendendole nel metodo più simili al modello lasciatoci dal corpo direttivo del primo secolo. Un modello trasparente e coinvolgeva l'intera associazione.



 

* L'intera moltitudine si riferisce evidentemente sia a fratelli che sorelle della zona di Gerusalemme.
- Vedi anche DEUTERONOMIO 1:13


__________________

13/02/17

La mancanza di trasparenza, potrebbe minare l'unità dell'associazione mondiale dei servitori di Geova ?


L'unità del popolo di Dio

Ho l'impressione che il lavoro dei 'cavalieri della fede' con l'aiuto dei 'vaccari' sta prestando il fianco a Satana riuscendo a rompere l'unità mondiale dei fratelli ...

i tre giorni del Condor
Quando si studiò la W con la famosa frase "accettare anche direttive impopolari o cose che non si capiscono" poteva riferirsi anche a questo:< ... andare a congresso fuori 'sale assemblee' per abituare i fratelli d'oggi (diciamolo pure comodi) ai disagi, per prepararli ad eventuali persecuzioni con quello che ne consegue!> Io sono certo che molti fratelli resteranno a casa con la scusa di disagio 'economico' o di malattia, con la consapevolezza che poi riceveranno i CD con la registrazione del congresso, mentre chi ha fede 'dentro di sé' forse farà sacrifici per essere presente.



Sono consapevole che la mancanza di trasparenza con la base dei fratelli, le regole imposte dalle circolari che, anche se si basano sui 'principi', vengono citate a sproposito invece di citare il principio su cui si fondano, e il 'cappelluzzo di carta' che fa sentire 'generali' gente che la sola presenza a tutte le comitive per il quotidiano o settimanale del giro di condominii dove nessuno ti apre la porta, li ha resi idonei ad essere raccomandati come 'vaccari' di turno, a scapito di altri generosi fratelli che, per altre responsabilità cristiane che non sto a citarvi, è saltuario nelle adunanze di servizio anche se forse fa più ore di servizio; tutto questo rende difficile la vita in congregazione, specie quando lo si vive come un'ingiustizia personale .



Ma ricordiamoci che l'Organizzazione dei fratelli (eklesia)ci ha dato la verità con anni di confronto di ciò che la Bibbia dice veramente, anche correggendosi, quando si è resa conto di errori di comprensione ed ammettendolo pubblicamente. E' un fatto, purtroppo, che ultimamente ciò non avvenga.

Globalizzazione e leggi fiscali

Un'ultima cosa, anche se non c'entra con questo post, ma concedetemelo, dato che è la prima volta che vi scrivo, la globalizzazione e le leggi fiscali che in questo periodo stanno tartassando la proprietà immobiliare in tanti paesi, non permette di intestare troppe proprietà ad un solo Ente sia pure religioso. Nel passato tutte le sale erano intestate alla Filiale di turno, anche contro il consiglio di quanti, informati e previgenti, suggerivano di intestare alle Associazioni locali, alla stregua delle parrocchie, che pur essendo della Chiesa, sono enti minori a se stanti. Oggi sono costretti a vendere per le troppe tasse che il cumulo degli appartamenti per viaggianti che non sono esenti come i luoghi di adunanza. Essere consapevoli sì, parlare senza conoscere ...


P.S.: scusate se non ho messo scritture a sostegno dei vari argomenti, ma ho scritto di getto, forse lo farò se scriverò di nuovo. 

Pastor silente   del     04/02/17, 02:42

__________________________________

Un sorvegliante di circoscrizione che nomina anziani insiema alla congregazione


Introducendo il principio che chi sbaglia paga in termini teocratici e che nessuno sarà al di fuori della legge biblica i cavalieri avranno vita difficile. Certo nessuno si aspetta che la congregazione non abbia più problemi, ma almeno che non gli facilitiamo il compito punendo la parte sana che denunzia, invece che chi crea disagio all'interno del popolo di Dio. Deve essere più facile cancellare la nomina di un anziano e più facile rinominarlo, senza imbastire comitati di servizio da INQUISIZIONE CATTOLICA.


Decadenza semestrale della nomina con supervisione del Sorvegliante di Circoscrizione


La nomina può decadere anche ogni 6 mesi in automatico, per tutti gli anziani. Alla successiva visita del C/O (sorvegliante di circoscrizione) si riparte con nuove nomine, o si riconferma le stesse del semestre passato.

Il C/O potrebbe sondare la congregazione parlando con TUTTI i fratelli battezzati da almeno 2 anni, chiedendo loro di indicare i più idonei all'incarico. Questo va fatto tenendo conto dei requisiti biblici e il comportamento tenuto in congregazione (compilando un modulo prestampato dalla società).


Il Venerdì sera durante l'adunanza pubblica il C/O può comunicare alla congregazione la lista delle nomine per il semestre seguente in base alle consultazioni  e alle sue personali impressioni avute conoscendo i fratelli. Nella parte ricorderà a tutti di operare per il bene e al servizio della congregazione e a favore dell'adorazione Divina

La visita potrebbe essere divisa in due parti . Mattinata dedicata all'opera e servizio di campo, pomeriggio consultazione con i proclamatori appiedati e famiglie sane nella verità. Sabato dedicato per andare a trovare fratelli e sorelle e incoraggiarli.


I modi per contrastare i furbetti si possono trovare, ma urge meno potere agli anziani e più trasparenza e partecipazione nelle decisioni che riguardano tutta l'associazione.
_______________________________________


11/02/17

Come ci potrebbero vedere gli altri : Il Papa e il Corpo Direttivo



Cari fratelli,
Qualche tempo fa per me era inaccettabile porre in confronto il CD dei Testimoni di Geova e il Papa della Chiesa Cattolica.
Oggi lo faccio in questo post perché la settimana del 6 marzo si rivelerà ferale per la WTS. E’  mio costume non usare parole a caso e cerco di pesarle. Non so se subirò censura dagli Amministratori del sito, ma credo che nessun blog che voglia vita lunga, rispettabilità e autorevolezza dovrebbe nascondere la Verità, i Fatti.

E i Fatti sono questi:
Stamattina in prima pagina dei giornali nazionali italiani il Papa di Roma ha dichiarato che sa che all’interno del Vaticano vi è corruzione. Notate le parole usate da questa Autorità: non dice nella Chiesa, tra i preti, tra i vescovi, ma “nel Vaticano”. Messaggio politico? Avvertimento trasversale? Atteniamoci ai fatti.
Il Papa dice questo in diretta relazione con le audizioni della Royal Commission Australiana che sta tenendo sul banco dei Giudicati (non imputati) la stessa dirigenza della Chiesa.
Tale Papa non si rivolge ai Vescovi, ma al Corpo Direttivo della Chiesa Cattolica stessa!
Quindi Cardinali in primis! Non vi sfugga che una settimana fa manifesti anonimi in giro per Roma hanno, non proprio velatamente, minacciato lui stesso, il Papa.
Udite, udite, non solo rinnova le scuse ma promette di sradicare la corruzione.

Il 6 marzo sul banco dei Giudicati ci sarà il CD dei Testimoni di Geova. Vi starà per una settimana circa. Non importa chi parlerà, chi sarà invitato o chi ci metterà la faccia. Ma checché voi ne pensiate, oggi dopo ciò che ha fatto il Papa la WTS è al bivio. La commissione inchioderà i Fatti. Numeri, Realtà, Sangue, Sudore, Lacrime, Mxxxa.
  • 1800+ abusati,
  • 1006 abusatori,
  • media di quattro segnalazioni al mese.
  • 0 (zero) denunciati direttamente alle autorità
  • Rapporto vittime/proclamatori: 1/40
Il Papa ha detto che nel loro CD vi è corruzione, che cosa dirà la WTS?
Comunque vada sarà un punto di non ritorno nella coscienza di ciascun Testimone di Geova, e ricordatevi che Geova, Gesù, i risuscitati unti, gli Angeli assieme all’umanità consapevole, stanno a guardare. Si presenterà un componente del CD e dirà: “Sì abbiamo sbagliato, chiediamo a questa commissione di aiutarci ad aiutare le vittime innocenti. Siamo pronti a pagare, non solo economicamente, ma con assunzione di responsabilità per chi, anche ad alto livello ha sbagliato. Usiamo questa sede per chiedere pubblicamente perdono per il nostro comportamento, a Dio, di cui ci assumiamo la responsabilità di portare il nome, e a chiunque abbia sofferto per le nostre azioni. Pubblicheremo tutto il contenuto delle sessioni della Commissione sul nostro Broadcast se ce ne date il permesso”
Oppure:
Il solito silenzio assordante, magari condito da un video che farà notare come pericolosi apostati ex testimoni hanno testimoniato bugie e falsità contro di “noi”. Noi amiamo i bambini e bla bla bla.
Secondo voi ci sono vie di mezzo? Riflettete: sia nel primo caso che nel secondo nulla sarà come prima, sapete perché? Perché questa mattina il Papa ha messo all’angolo tutti, compreso noi e la WTS. Non so se era una mossa voluta, ma è stata geniale, come un pallonetto di Messi a tempo scaduto che si insacca in rete.
Inutile che vi dica che il tempo è scaduto, l’arbitro ha fischiato. Ora è il tempo della Fede, la vera Fede. Il tempo del vero cristianesimo. Il tempo della vera Unità. Il tempo degli abbracci lunghi e calorosi. Il tempo di non abbandonare le comuni adunanze, il tempo di predicare il Regno e non la fine. Il tempo degli inviti nelle nostre case. Il tempo dei sorrisi e delle risate in compagnia. Il tempo di non giudicare. Il tempo di lodare e non sentirsi i migliori, il tempo di chiedersi qual’è la volontà di Geova? Chi ha detto Signore, Signore? Quali erano le opere potenti? E quelle illegali?
Un abbraccio,
Graf

08/02/17

Olocausto e i Testimoni di Geova

Il 27 Gennaio del 1945 è stato l'anniversario della liberazione, da parte dell'esercito russo, dei prigionieri dal campo di concentramento di Auschwitz. Questa data è diventata l'anniversario della "Shoah" ebraica, termine fra l'altro preferito rispetto a quello universalmente conosciuto come Olocausto. Allego una sezione tratta da Wikipedia dedicata ai Testimoni di Geova coinvolti in quella stessa campagna di morte. In questa sezione lo Yad Vashem, l'ente nazionale ebraico per la memoria della Shoah, ha dichiaro alcuni nostri fratelli come "giusti tra le nazioni".

Alcuni Testimoni di Geova riconosciuti giusti tra le nazioni

« Chi salva una vita, salva il mondo intero (Talmud) »
Il 28 giugno 1966, lo Yad Vashem riconobbe due testimoni di Geova polacchi, Socha Józef e sua moglie Socha Agnieszka, come giusti tra le nazioni[53].
Il 7 settembre 1971, lo Yad Vashem riconobbe una testimone di Geova tedesca di Berlino, Emma Gumz come giusti fra le nazioni[54]. La storia completa di Inge Deutschkron in un pdf di Yad Vashem
Il 14 dicembre 1994, lo Yad Vashem riconobbe due testimoni di Geova bielorussi, Vasiliy Ivanov e sua figlia Irina Ivanova Levikina, come giusti tra le nazioni. L'onorificenza fu loro assegnata per aver nascosto, ospitato e protetto, a rischio della vita e nonostante le proteste della moglie di Vasiliy, per tutto il periodo dell'Olocausto e fino alla caduta del regime nazista, una giovane ebrea di nome Heina, fuggita dal ghetto di Braslaw (Braslau). Anche quando i tedeschi cominciarono a perlustrare la zona in cerca di partigiani ed ebrei nascosti, incendiando molti villaggi, Vasiliy ed Irina continuarono a proteggerla, considerando il salvataggio della giovane un dovere imposto da Dio. Heina rimase presso gli Ivanov fino alla liberazione e mantenne contatti con loro per molti anni dopo la guerra[55][56][57].
Il 5 marzo 1998, lo Yad Vashem riconobbe tre testimoni di Geova ungheresi, András Nagy, Magdolna Nagry, Erzsébet Nagy, come giusti tra le nazioni[58].
Il 1º agosto 2010, lo Yad Vashem riconobbe due testimoni di Geova polacchi, Marianna Borzęcka e Józef Borzęcki, come giusti tra le nazioni[59][60].

07/02/17

Rispetto per le istituzioni .

Paolo disse: “Fratelli, non sapevo che fosse sommo sacerdote. Poiché è scritto: ‘Non devi parlare ingiuriosamente di un governante del tuo popolo’”.
-Atti 23:1-5


Cari fratelli e sorelle visto che alcuni hanno inteso male (o forse ci siamo spiegati male noi) lo scopo del blog anche se è scritto a caratteri cubitali nell'intestazione occorre attuare delle modifiche alle terminologie che usiamo nei post e sopratutto nei commenti. Gesù ci ha lasciato un modello perfetto come anche il resto delle Scritture.

Qual'è la linea corretta da seguire secondo le Scritture per far giungere le lamentele a chi di dovere saltando la burocrazia che filtra ogni possibile dialogo con il corpo di anziani che dirige l'opera mondiale ?

Le istituzioni menzionate nelle Scritture (di tipo umano) fondamentalmente sono due : 1- Il corpo di sorveglianti che dirige l'opera mondiale e 2- La congregazione o associazione mondiale dei servitori di Dio.

Come agiva il signore ?

1 Gesù rispettava le istituzioni teocratiche perchè era consapevole della loro origine scritturale. Anche davanti ad un processo illegittimo rispettò le istituzioni non insultando nessuno e rimettendo il giudizio a Dio

2 Gesù rispettava la congregazione e la sinagoga frequentando assiduamente anche se fu cacciato in alcune sinagoghe per aver smascherato alcuni comportameti errati. Nella sinagoga di Nazareth una turba guidata dagli anziani della congregazione voleva gettarlo da una rupe. Nel tempio a Gerusalemme vi andava di nascosto e rischiò la lapidazione , ma non saltò mai volontariamente le riunioni e non incoraggiava a non andare al tempio di Dio.

3 Gesù si concentrava sulle riforme religiose o migliorie, smascherando nel contempo le ideologie errate infiltratesi nel vero e unico popolo di Dio. Non disse mai  " Meglio diventare filistei o Romani loro sono meglio". Ma è anche vero che disse che aveva trovato più fede in un soldato romano che in tutto israele.  Ma la vita intera di Gesù mostra che non intendeva mancare di rispetto alle istituzioni teocratiche


La Scrittura dice di Paolo 
Atti 23:1-5  (traduzione del nuovo mondo dei testimoni di Geova)


"Guardando attentamente il Sinedrio, Paolo disse: “Uomini, fratelli, fino a questo giorno mi sono comportato dinanzi a Dio con perfetta buona coscienza”.  Allora il sommo sacerdote Anania ordinò a quelli che gli stavano accanto di colpirlo sulla bocca. Quindi Paolo gli disse: “Dio colpirà te, muro imbiancato. Siedi per giudicarmi secondo la Legge e nello stesso tempo, trasgredendo la Legge, comandi che io sia colpito?” Quelli che gli stavano accanto dissero: “Oltraggi il sommo sacerdote di Dio?”  E Paolo disse: “Fratelli, non sapevo che fosse sommo sacerdote. Poiché è scritto: ‘Non devi parlare ingiuriosamente di un governante del tuo popolo’”."



Cosa dobbiamo fare ? 


Imitare il signore. Rispetto per il C.D., rispetto per tutti i proclamatori della congregazione e rispetto della Congregazione.
Pertanto dobbiamo fare uno sforzo per essere lucidi e seguire le indicazioni scritturali pur se siamo tirati per la giacca da ogni dove.
Ci sono siti web che inneggiano a questo e a quello, i cavalieri della fede sempre pronti a fare un comitato a chiunque osi dire qualcosa in congregazione e poi il sistema di cose e le nostre imperfezioni che remano contro, quindi occorre essere sempre più lucidi e concentarrsi sulle migliorie necessarie per riportare l'onestà nelle congregazioni e così andare in servizio a testa altissima. Si è vero noi non c'entriamo nulla con i mal comportamenti di alcuni che hanno perso la fede e la bussola spirituale, ma questo è quello che passa il convento come si usa dire..:-)))


Proporre, proporre , proporre come disse il maestro: " Continuate a chiedere e vi sarà dato "

Chiediamo prima a Dio e chiediamo anche alle istituzioni di fare qualcosa per proteggere i proclamatori onesti dai cavalieri della fede.


Amen.



Siate sempre allegri il signore è vicino , molto più vicino di 2000 anni fa


____________________

05/02/17

La Verità Perduta






La Real Politik dell' Organizzazione  (Burocratica) della quale tutto si può dire, meno che non sappia cogliere il momento giusto nell'interpretare gli umori, quando gli eventi (e le proteste...?) si fanno pressanti tra i fratelli, doveva rimediare ai tanti "rumors" che stanno serpeggiando sull'affaire-Roseto e relative vendite di altrettanti immobili.



Così non abbiamo dovuto aspettare molto per ricevere il colpo di timone dei nocchieri generali,assai sensibili ai venti che soffiano, con una serie di articoli di studio sull'Organizzazione-Borbonica e il suo ruolo... Si legge nell'articolo di gennaio 2017: "...La Parola di Dio incoraggia tutti noi ad essere ubbidienti e sottomessi... nell'Organizzazione di Dio non c'è posto per uno spirito critico e ribelle... ovviamente nessun cristiano vorrebbe mostrare uno spirito irrispettoso e sleale come quello di Diotrefe... quindi è bene chiedersi:"... Accetto e seguo prontamente le istruzioni impartite da fratelli che hanno incarichi di responsabilità... ?"


Cosa nasconde un linguaggio così aggressivo? Forse paura...Paura che i fratelli comincino a pensare con la propria testa, paura che si cominci a sentire troppa puzza di bruciato in relazione agli immobili venduti, alle chiacchiere da blog sempre più asfissianti ed insofferenti...Come difendersi dunque? Ribadendo che è la Parola di Dio a richiedere cieca ubbidienza... a chi? A funzionari burocrati con giacche o giacchine blu (passata...).

Ma cosa accade quando una guida spirituale diventa dominio della mente, addirittura tirannia spirituale? Che succede quando le desiderabili qualità di unità e di ordine sono sostituite dalla pretesa  di un conformismo istituzionalizzato? Cosa si ottiene quando il dovuto rispetto per l'autorità si muta in servilismo, indiscutibile sottomissione, una rinuncia individuale dinanzi a Dio di prendere decisioni basate sulla COSCIENZA PERSONALE? Da questo atteggiamento si ottiene un tragico allontanamento dall'esempio di Cristo e dei suoi apostoli, un effetto superficiale nei rapporti umani, una carenza di valori veri e reali, un estremismo fanatico ai quali si è disposti a giungere pur  di sostenere il proprio punto di vista e la costruzione di un Sistema(Burocratico) basato su tutta una serie di norme(umane) alle quali bisogna attenersi per ottenere la salvezza.

L'Organizzazione (Burocratica), sempre più borbonica ed assolutistica sta sempre più prendendo le distanze da se stessa e dal suo passato, rinnegando la propria memoria storica; sembra che la Parola di Dio sia qualcosa di adattabile ad un argomento quando lo richiedono le circostanze ed all'argomento opposto quando mutano le circostanze. I bizantinismi e le le alchimie degli ultimi tempi, lasciano smarriti e perplessi, al punto che dovesse tornare dalla "Risurrezione" qualche fratello morto trenta o venti anni fa, stenterebbe a riconoscere in questa odierna, la stessa religione che lui aveva abbracciato tanto tempo prima.

Cristo è quasi completamente sparito dalle nostre Sale del Regno (andate a guardarvi l'invito per la Commemorazione di primo 2017...), i libri di un tempo messi all'indice, spariti tutti i tipi e gli antitipi di russelliana memoria, rinnegati i 2/3 di quasi tutti gli intendimenti passati, venduti gli immobili che rappresentavano la memoria storica e i sacrifici di tanti fratelli, silenzi sempre più assordanti su voci di pedofilia e coperture annesse, smentite che non smentiscono perché non confortate da cifre sulle contribuzioni dei fratelli.

 L'Organizzazione (Burocratica) borbonica ha smarrito la propria identità, si è fatta condizionare da questa Società del Rifiuto e dall'esaltazione politica che getta il sasso ma nasconde sempre la mano ad evitare le proprie responsabilità. Chi ha più il Coraggio di chiedere scusa, il Coraggio di denunciare chi deve essere denunciato, il Coraggio di mettere mano alle vere Riforme, questi sì nuovi intendimenti, il Coraggio di uscire allo scoperto e di ammettere le proprie colpe in relazione alle contribuzioni dei fratelli, il Coraggio di dire che sì, ebbene sì non riusciamo a spiegare cosa voleva dire il Maestro sulla "Generazione", il Coraggio di abolire i "Gran Giurì" della vergogna contro i disassociati, che co i loro veti maniacali hanno distrutto le vite di tante famiglie per bene. Stanno diventando gli Alfieri della Rinuncia, stanno distruggendo il Cristianesimo, stanno distruggendo l' Uomo. Ci vogliono ubbidienti e senza anima, senza la capacità di obiettare, di pensare, senza impulsi, senza cuore,spersonalizzati così possono loro controllarci come meglio credono.

Si può pensare che Dio abbia delegato ad un gruppo di persone imperfette il controllo mentale di altre persone imperfette? Si può credere che chi ricorre a questi squallidi artifici per conquistare consensi ideologici o divistici possa avere a cuore il bene della fratellanza? A me indigna che si voglia lasciar credere, quasi fossimo dei sottosviluppati intellettuali, che dietro queste operazioni non ci siano precise scelte "politiche" che non si ha il coraggio (ancora una volta...) di dichiarare chiaramente. Il Sistema,volutamente creato,tende a spersonalizzare i fratelli; quando bisogna fare qualcosa è perché lo DOBBIAMO fare quasi mai perché VOGLIAMO, mancano quasi totalmente le discussioni bibliche in Sala, una capacità critica di capire la Bibbia; laddove invece domina la politica del "Divide et Impera" dell'Organizzazione ( Burocratica ). Tutto questo ha condotto ad un aumento del dogmatismo, invece che ad un interesse per le persone, per le circostanze e i problemi individuali dei fratelli.

Tutto questo è insito stesso nella natura di questo moderno Minotauro (Burocratico) che richiede sacrifici (economici sopratutto...) ai fratelli. Noi non ci stiamo, cambiamo aria, apriamo una finestra, c'è bisogno di aria fresca...

Il Conte Oliver
______________________________________