Nota informativa

Informativa sulla privacy : Questo blog utilizza i cookies per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per negare il consenso e maggiori informazioni sull'uso dei cookies di terze parti consulta questa pagina : https://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/05/politica-dei-cookie-di-questo-sito-in.html

«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»





HOME PAGE

Pensiero dell'anno

Mamma!
Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.
Sandro Pertini

Translate

29/11/15

L'arma segreta dei cavalieri della fede - I PRIVILEGI !


1 Timoteo 3:1 : "...Se un uomo aspira all’incarico di sorvegliante, desidera un’opera eccellente..."

 

 
A tutti piacerebbe avere un arma segreta da usare nel momento del bisogno. I cavalieri della fede usano un arma segretissima di nuova generazione. La compravendita dei privilegi in congregazione!Si diversi nominati che non conoscono Geova usano erroneamente il loro incarico per far credere ai fratelli che il successo nel servire Dio dipende da quanti """"privilegi"""" ricevono dalle gerarchie ekklesiastiche.

In realtà la bibbia parla di incarichi e mai di privilegi parola usata dal papato antecedentemente alla Riforme protestante. La lettera di Paolo a Timoteo si riferisce ad anziani non come ad un privilegio che si riceve arbitrariamente ma ad un incarico a cui si aderisce per aiutare la fratellanza e servire la congregazione comprata a prezzo da Cristo.

Chi non conosce Geova e non studia la Sua parola  sta intossicando la congregazione con ideologie umane pericolose che dividono i fratelli in classi e creano uno stato di tensione quotidiana per nulla benefico all'unità della fratellanza. Un ideologia diffusa nell'ekklesia da alcuni anni è che l'incarico di anziano o servitore di ministero nella congregazione sia un privilegio o uno status che innalza chi lo ottiene al di sopra degli altri fratelli. Periodicamente si osservano adunanze di anziani con il sorvegliante di circoscrizione taroccate da lotte intestine su questa svendita di privilegi chi per favorire questo chi per favorire quell'altro a discapito del benessere spirituale della congregazione.

Questo triste stato di cose ha influenzato molti fratelli che non volendo , a causa dell'imperfezione e dello spirito mondano competitivo infiltratosi nell'ekklesia, si danno da fare per crearsi una facciata di santità , fare regali e favori particolari a chi ha responsabilità nella circoscrizione o nella congregazione trascurando lo spirito di Dio e lo studio peronale della bibbia. Molti tralasciano la loro personale relazione con Geova e si mettono ad inseguire lo spettro del successo ad ogni costo nella congregazione, abbandonando la famiglia a se stessa con conseguenze disastrose.

I rapporti dicono che sempre più mogli di anziani vivono la verità all'acqua di rose, molte sono depresse e alcune inattive ma per non creare danno ai mariti fanno un rapporto fittizio in modo da non destare sospetti . Diverse mogli di anziani abbandonano i mariti e gli mettono le corna con altri fratelli della congregazione iniziando dapprima a flirtare e poi ad uscire spesso in servizio insieme e facendo passeggiate romantiche con la bibbia in mano davanti ad un territorio sempre più abituato a essere defraudato del vero messaggio del regno puro e incontaminato.

Diversi anziani che trascurano la famiglia cominciano a relazionarsi con pioniere giovani e attraenti che curano nella cosidetta opera pastorale interessata. Sorveglianti del servizio si vedono spesso uscire con sorelle regolarmente a soli in zone isolate per ""controlllare"" i loro studi e dare ""consigli""personali a queste aitanti sorelle che cadono vittime di bell'imbusti in giacca e cravatta moderni gigolo bonaventura di Valentiniana memoria.

Corna, corna e corna fino all'inverosimile e soprattutto tra nominati a danno del nome di Dio e dell'opera . Le relazioni extraconiugali oramai sono all'ordine del giorno anche nella congregazione e in tutto questo marasma i fratelli onesti si ritrovano a dover raccogliere i cocci di famiglie disastrate e faide eterne che minano l'unità dell'intera fratellanza. Tutto questo per rincorrere i privilegi e il successo ad ogni costo e con ogni mezzo !!!!

Per favore fratelli cerchiamo di eliminare o usare sempre meno questo termine nella congregazione di appartenenza, evitiamo di usare il termine PRIVILEGIO !


(1 Timoteo 3:1) ...Se un uomo aspira all’incarico di sorvegliante, desidera un’opera eccellente...

 

 
_________________________________________________________________

28/11/15

Se avessi conosciuto il blog prima non mi sarei dissociato ...........

Buongiorno,

mi accingo oggi a scriverti (perdonami ma è l'unico contatto che ho trovato sul sito) dopo aver letto molto probabilmente tutto il contenuto del vostro blog. Premetto che se avessi conosciuto persone come quelle che frequentano quel blog nel 2xxx quando ho avuto la mia crisi di coscienza, molto probabilmente non mi sarei dissociato. E forse il motivo per cui ti scrivo è da ricercare nel aver trovato persone che hanno quella che io ancora oggi credo di possedere come facoltà di percezione delle cose.

Ma vorrei prima raccontarmi un po' e poi magari esprimerti ciò che oggi provo.

Mi chiamo V............. e sono stato associato alla congregazione di xxxx   xxxxxxxx, praticamente dalla nascita. Padre anziano, madre pioniera, sorella pioniera. Un bimbo prodigio, primo discorso a x anni, lodato, incoraggiato. Battezzato all'età di 1x anni. Terminati gli studi superiori, entro a far parte del Comitato Regionale di Costruzione Sale del Regno. Faccio anche qualche capatina negli uffici della Bethel di Roma. Proseguo nelle costruzioni e dopo essermi sposato a XX anni proseguo il servizio continuo con mia moglie.
 
Per motivi di salute di mia moglie siamo costretti a fermarci. Trovo un lavoro e proseguo nel servizio in congregazione come Servitore di Ministero. Nel 2XXX, all'età di XX anni chiamo un anziano e gli dico che non mi sento parte dell'Organizzazione, non ho peccato, non conosco argomenti che solo di recente ho appreso. Ho solo la sensazione di non essere più un testimone di Geova (se avessi avuto il blog oggi avrei detto di non sentirmi più TDW). Leggevo le pubblicazioni e mi sembravano genialissimi articoli in simil marketing. Non vedo "cuore" ma solo burocrazia, tanta, troppa. Una serie di regolamenti. 
 
L'anziano mi chiede se vogliamo vederci. Rispondo di si.
Mi ritrovo davanti ad un comitato giudiziario in cui più che cercare di capire quali fossero i miei sentimenti (più che pensieri visto che non avevo mai nemmeno lontanamente voluto informarmi sulla Società da "altre" fonti), vogliono sapere se ho altri problemi tipo pornografia (che c'entra?), donne (che c'entra?). Mi danno una settimana di tempo. Io ribadisco.
Alla prima adunanza utile fanno l'Annuncio (il maiuscolo è d'obbligo). 
Perdo tutta la famiglia, purtroppo mia moglie, gli amici, gli affetti. Ero quello che si può ritenere un "bravo fratello", di quelli che limita i contatti col "mondo", non ha amicizie fuori dalla congregazione. Ti lascio immaginare come io possa essere stato (il post sull'ostracismo è da appendere in stanza e rileggere alla mattina). Sono un uomo forte, ma non ti nascondo che ho pianto, tanto e di dolore.

Mi sono descritto per darti un'idea di ciò che apparivo. Il mio ultimo discorso pubblico (allora ancora di 45 minuti) l'ho tenuto in una congregazione solo la domenica prima di chiamare un anziano. Quel discorso lo ricordo come fosse oggi. Parlavo della sincerità di cuore con cui dobbiamo servire l'Organizzazione. Dell'ubbidienza ad essa. Lo preparavo e cercavo di trovare in me ciò che avrei dovuto illustrare ad altri; non trovavo nulla. La mia crisi spirituale è probabilmente durata anni, ma fu durante la preparazione di quel discorso che mi resi conto di essere una sorta di sepolcro imbiancato (non nel tenore della scrittura, ma rende l'idea). Avevo costruito una bellissima facciata senza badare al contenuto. A da li a poco mi avrebbero proposto come Anziano. Capisci bene che per il bene della congregazione dovevo sottrarmi a questo enorme errore il prima possibile.

Ero cresciuto secondo ciò che l'Organizzazione voleva per me, ho fatto parti alle assemblee sullo studio di libro familiare, conscio del fatto che a casa di mio padre non esisteva uno studio familiare. Ho vissuto in una famiglia in cui contava più l'apparire in congregazione piuttosto che l'essere cristiani. Credimi, non volevo fare quella fine. Non volevo essere apparenza, volevo essere sostanza. Spesso mi guardavo intorno e vedevo fratelli abbracciare d'affetto i nuovi arrivati e guardare come un appestato il disassociato di turno. Già allora pensavo che Gesù non si sarebbe mai comportato così.

Un annetto prima della mia dissociazione, accadde qualcosa che mi spinse a fare, per la prima volta, ciò che la coscienza mi diceva, piuttosto che ciò che l'Organizzazione "suggeriva". La mia cognata, sorella della mia ex moglie, era fidanzata con un non testimone. Ovviamente segnata. Allontanata da chiunque. Io facevo il possibile per non farla sentire sola. Ovviamente però, isolata dalla congregazione, si strinse sempre di più al suo compagno fino alla decisione di sposarsi. Decise di sposarsi in chiesa.

Qui ritengo tu possa immaginare le emozioni. Sconcerto, avvilimento. Ricordo ancora la faccia di mia moglie quando le dissi che non saremmo andati al matrimonio di sua sorella. Lei pianse, ma accettò. Era triste, combattuta. In realtà lo ero anch'io. Non ci dormivo. Pensavo, "lei sarà disassociata dopo il suo matrimonio", "festeggeremmo solo il matrimonio, non sarò in chiesa ad appoggiare la sua scelta del luogo in cui consacrare l'unione con suo marito", "Gesù partecipò ad un matrimonio e nella Bibbia non c'è l'elenco degli invitati, non c'è scritto chi c'era e chi no, o l'analisi della vita degli sposi", ma anche "l'Organizzazione ritiene apostasia il suo comportamento e se dovessi andarci per l'Organizzazione partecipo al suo peccato.

Sapevo ciò a cui andavo incontro con la WT ma la mia coscienza mi portava ad altro. E volevo dar conto solo a Geova di ciò che avrei fatto. Chiamai mia moglie e le dissi "comprati qualcosa, ci andremo al matrimonio di tua sorella". Sbagliato o no. Sentivo che avrei dovuto dar conto della mia coscienza solo ad una persona. E non era fisica. Sapevo anche che si trattava di ciò che viene chiamato "atto di ribellione".

Ci andammo.

Adunanza successiva. Mi avvicina un anziano e in compagnia di altre due persone chiedono di parlare con me e con mia moglie. I motivi li conoscevo. Nel corso della conversazione con loro, mia moglie scoppiò in lacrime, dicendo di aver sbagliato. Non so se sei sposato/a, ma se ami qualcuno e un altro uomo lo/la fa piangere puoi solo odiare. Io esposi il mio pensiero. Non articolando in maniera esagerata le motivazioni della scelta, ma sovrapponendo al tutto la mia coscienza che ritenevo abbastanza addestrata.
Mi fecero poi sapere che mi avrebbero sospeso per un po' i privilegi. Discorsi pubblici, alla Scuola di Ministero Teocratico, gli incarichi di reparto (mi occupavo di acustica e territori).

Ora penserai, ti sei dissociato per ripicca. No, tutt'altro!!! Il fatto di non fare più discorsi, di non poter parlare al pubblico mi sollevava...............

Mi consigliarono di studiare di più. E io leggevo la Bibbia, non le pubblicazioni. E più la leggevo più mi sentivo lontano dalla WT. Leggere le pubblicazioni, così ben scritte, così buoniste, quelle splendide esperienze. Il mio cuore non ci credeva più. Sono uscito dai TdW come Servitore di Ministero. Senza sbattere la porta ma accostandola con delicatezza. Ma dovevo ritrovare ciò che ero.

Avevo fede in Geova, ma non quello che, tramite Vaccari, detta anche i centimetri delle gonne delle sorelle o se è giusto guardare i Pokemon o meno (gli esempi sono volutamente stupidi). Avevo due scelte. Abbassare la testa, diventare anziano un giorno e dover essere un Vaccaro (come mi diverte leggere sul blog) o uscire lasciando tutti a bocca aperta. 

Ho scelto la seconda. Non lo avrei fatto oggi. Ma non sono pentito. Ho ripreso a frequentare da non molto. Non ho cambiato idea sulla WT. Non ho cambiato idea sul modo aziendale con cui jw org sta gestendo le coscienze dei tdg. Non so se mi farò riassociare, non ho ancora avvicinato nessuno per esprimermi in merito. So che se dovessi decidere di rientrare, lo farei consapevole che ho davanti uomini, nella accezione più stretta.

Ho 36 anni, ho sofferto tanto per l'allontanamento. Oggi sono mille volte più forte e ti dirò, prego più volentieri. Magari non ringrazio per il pasto, ma spesso mi fermo e con Lui ci parlo. So che ascolta le preghiere di un cuore rotto e il mio di sicuro lo è.

Per mio padre sono sul filo dell'apostasia,................................

Non so se leggerai, non so se risponderai, so che avevo una voglia di scrivertelo perchè so che dall'altra parte ho una persona che capisce ciò che dico.

Restate ciò che siete, voi del blog. E il consiglio che do ai pochi tdg con cui ho ancora qualche contatto per lavoro, è di non uscirne. Restate per promuovere l'amore che Gesù ci ha insegnato, in barba ai Farisei che, invidiosi, lo misero a morte. Se Geova è con questa organizzazione, prima o poi, ascolterà le voci dei meritevoli.

Un abbraccio fraterno.

27/11/15

La manipolazione della comunicazione da parte dei capi religiosi ha radici antiche !




Giovanni 19:21, 22

 
"...i capi sacerdoti dei giudei dicevano a Pilato: “Non scrivere ‘Il re dei giudei’, ma che egli ha detto: ‘Io sono re dei giudei’”.  Pilato rispose: “Quello che ho scritto, ho scritto”..."
 
 
I tentativi di usare il braccio politico a propri fini e interessi e di manipolare l'informazione per tornaconto è tutto racchiuso in quella frase che i farisei, i capi religiosi del primo secolo, enunciarono al governatore  Pilato : " Non scrivere "Il re dei giudei" .
 
Quanto invece apprezziamo la Parola di Dio per la sua onestà intellettuale e per il messaggio semplice e allo stesso tempo profondo e sincero. Se sapremo cogliere il senso di queste parole eviteremo come organizzazione di far credere che siamo un organizzazione perfetta .
 
Divenendo imitatori di Cristo e di Dio possiamo imparare a dare una comunicazione onesta sul sito TV ufficiale specialmente quando si leggono comunicati importanti che riguardano l'intera congregazione mondiale. ( vedi il video " Perché abbiamo diminuito il numero dei servitori speciali a tempo pieno" )

traduzione del video a questo link : http://proclamatoreconsapevole.blogspot.it/2015/12/samuel-herd-perche-abbiamo-ridotto-il.html


 
 
____________________________________________________

25/11/15

Commenti dei fratelli - l'autoerotismo




13 aprile, 2015 20:36
  1. buona sera cari fratelli,sono una sorella e vi leggo da tanto tempo anche se non ho mai commentato...ho una perplessità che mi sta assillando da qualche giorno,scusate se chiedo delucidazioni a voi,però lo preferisco per via dell'anonimato...forse non è nemmeno la sezione giusta,scusatemi...la domanda è questa:come viene visto dall'organizzazione un fratello sposato che consuma abitualmente materiale pornografico e pratica autoerotismo?come viene considerata la sensibilità della moglie che ne viene a conoscenza?se il marito piuttosto che chiedere perdono e aiuto dice alla moglie che è lei quella strana,mentre quello che fa lui è del tutto normale?e infine,se nonostante la disponibilità della moglie a rendere il suo debito coniugale,il marito si fa desiderare perchè preferisce fare da solo?scusatemi per l'argomento che ho toccato,ma veramente avrei bisogno di risposte,anche di qualcuno/a che ha avuto questi problemi...grazie




    1. Il fratello Kirk aveva pubblicato un post
      sull'erotismo della pornografia è di qualche settimana fa.
      Gli anziani non sono autorizzati ad indagare su questioni personali
      ma se sono messi a conoscenza dai diretti interessati,
      possono dare alcuni consigli anche energici. Queste abitudini si possono vincere.
      L'organizzazione ha dato alcune direttive su chi consuma materiale erotico,
      la direttiva è di aiutare la persona a evitare la visione di questo tipo di
      materiale esplicito, perché insegna una visione distorta ed egoistica della sessualità.
      Ogni caso è a se . Una cosa è certa bisogna stare attenti
      con chi ci si confida !!! Penso che ci siano anche esperti che possono aiutare nel campo della sessuologia o sbaglio ? Esiste anche una clinica che aiuta a disintossicarsi dalla dipendenza della pornografia . Non ricordo dove sia ma ne parlarono i media.

    2. Cara stellina innanzitutto benvenuta sul blog.
      Se ne stai parlando qui, evidentemente è perché l' argomento è molto delicato e privato, e forse non te la senti, ovviamente, di parlarne con gli anziani.
      In qualche post precedente mi sembra che sia stato trattato l' argomento pornografia, ma sinceramente non sono nella capacità di dirti cosa fare.
      Anche le pubblicazioni danno molti suggerimenti su come affrontare la situazione, ma nel caso specifico che tu menzioni, è alquanto singolare, perché generalmente un uomo dovrebbe tendere a nascondere queste cose alla moglie, non addirittura accusarla di esserne stata la causa.
      Io posso parlare per le esperienze che conosco, per quello che ricordo di aver letto nelle pubblicazioni.
      Sappi che purtroppo è una piaga che sta alludendo tanti fratelli (e sorelle) e non soltanto giovani, ma sembra che stia prendendo sempre più piede anche fra le coppie sposate.
      È difficile liberarsene ma non impossibile.
      Potresti provare a parlare con dicendogli in maniera franca che a lungo andare questa pratica può nuocere al vostro matrimonio e anche a lui come persona, perché degrada il modo in cui un uomo inizia a considerare le donne.
      Cercate insieme il modo di risolvere questa situazione e magari se sapete che ne potete parlate con qualche persona spirutualmente matura edi cui vi fidate non esiste a farlo.
      Tu cerchi di rendere il debito coniugale e non sei te la colpa, quindi non sentirti ulteriormente scoraggiata per quanto sta succedendo a tuo marito.
      Si comunque che a lungo andare può essere classificato come "condotta dissoluta" ed essere possibile di dissociazione.
      Spero sinceramente che tutto si risolva per il meglio e che nel vostro matrimonio ritorno la pace e la serenità che meritate.....................



    3. Ciao Stellina gli anziani possono essere di aiuto ... Inoltre sono interessati le seguenti pubblicazioni:
      W 15-3-12 pag. 30-31
      W 15-7-06 pag. 31
      NON se ne deve parlare con tutti perché molti non capiscono le problematiche che portano un uomo ..................



    4. grazie mille ........!io però volevo sapere: gli anziani che eventualmente vengono messi al corrente di questa cosa,cosa diranno alla moglie?hanno qualche direttiva in merito?no, perchè per una donna è davvero umiliante scoprire che il marito ha questo problema...può essere causa di separazione?





    1. Non é causa di divorzio! Se una sorella si separa per questo motivo non potrà risposarsi; a meno che il coniuge che guarda pornografia non commetta adulterio.
      NON É CAUSA DI SEPARAZIONE E NON RENDE LIBERI DI RISPOSARSI!


    1. siete stati veramente gentili cari fratelli!grazie mille,ora consulterò anche le w consigliate....
      Elimina


    2. Ciao ..........., benvenuta!
      Deve essere un problema angosciante, comprendo la frustrazione, un compagno che pratica l'autoerotismo ti svilisce come donna. Pero' permettimi... Chiedi cosa ne pensa l'organizzazione, cosa direbbero gli anziani a te, se e' motivo di separazione... Sembra che ti sia concentrata su come uscirne fuori tu e non come coppia.
      Chiediti cosa ne pensa Geova.
      La sfera sessuale e' un campo molto delicato, legato a problematiche emotive complesse. Affinche' una coppia funzioni e' necessario comunicare senza falsi pudori seguendo il principio di 1 cor.7:4 e farsi aiutare, talvolta anche da una terapia psicologica mirata.
      E' vero che ti senti messa da parte, in questo momento forse tu sei piu' forte e tuo marito ha bisogno di aiuto, spirituale e non solo. Lascia momentaneamente l'argomento da parte e lavora per rafforzare la vs. spiritualita', Studiate insieme la bibbia come coppia, pregate insieme, ascoltatevi e siate pronti a scorgere ogni cosa positiva nell'altro.
      Non mollare, fai tutto il possibile per salvare il tuo matrimonio!
      Un abbraccio!



    ___________________________________________________

    22/11/15

    Ubbidienza o persuasione ? Considerazioni su Ebrei 13:17

    Cari Fratelli

    Analizzando le esperienze che segnalate nel blog, volevo prendere in considerazione alcuni aspetti scritturali che riguardano il concetto teocratico di ubbidienza. Una caratteristica, che abbiamo imparato studiando la parola di Dio e le pubblicazioni della società, è che tutte le questioni pertinenti, che affrontiamo nella nostra vita, devono sempre avere dei riferimenti biblici o un sostegno biblico. Il motivo per cui facciamo questo è perché abbiamo imparato a non lasciarci guidare dal nostro solo intendimento. Questa consapevolezza parte dal presupposto che, le idee umane ( anche le nostre ), sono naturalmente corrotte e solo con la purezza delle indicazioni bilbliche, siamo in grado di raddrizzare dalle deviazioni di rotta che purtroppo possono capitare nella nostra vita. Gli obblighi cristiani li conosciamo bene e un obbligo a cui ogni servitore deve adempiere è quello descritto in Ebrei 13:17

    (Ebrei 13:17)
    Siate ubbidienti a quelli che prendono la direttiva fra voi e siate sottomessi, poiché essi vigilano sulle vostre anime come coloro che renderanno conto, affinché facciano questo con gioia e non sospirando, poiché questo sarebbe dannoso per voi. ( NT )

    In un post comparso in un forum d’oltreoceano, si prende in considerazione questo versetto perché è un po’ la base biblica assunta per legittimare tutte le decisioni prese da chi ha responsabilità nella congregazione. Molti sostengono che la traduzione biblica della NT sia scorretta, perché la parola greca per tradurre “ubbidienti” è  Πείθεσθε ( “pistoomai” ) significa letteralmente “persuadere”.

    La stessa parola viene utilizzata in Giacomo
    (Giacomo 3:3)
    Se mettiamo i freni in bocca ai cavalli perché ci ubbidiscano, dirigiamo anche il loro intero corpo.

    Oppure ancora in Galati
    (Galati 5:7)
    Voi correvate bene. Chi vi ha impedito di continuare a ubbidire alla verità?

    Ora faccio un inciso, francamente non ho trovato ancora una traduzione biblica che traduca in modo diverso il versetto, chi desidera approfondire la questione sui termini può farlo, noi per le nostre limitate competenze, ci fermiamo qui. Consideriamo però alcuni aspetti pratici che questa scrittura pone davanti a tutti gli appartenenti della congregazione. Risulta evidente che l’apostolo Paolo abbia usato, nel versetto di Ebrei, una parola che dà una sfumatura, al concetto di ubbidienza, diversa da come molti l’hanno interpretata. Sembra quindi che, per l’apostolo Paolo, la persuasione sia un aspetto basilare della ubbidienza. Questa esortazione è la stessa che diede a Timoteo.

    (2 Timoteo 3:14)
    14 Tu, comunque, rimani nelle cose che hai imparato e sei stato persuaso a credere, sapendo da quali persone le hai imparate 15 e che dall'infanzia hai conosciuto gli scritti sacri, che possono renderti saggio per la salvezza per mezzo della fede riguardo a Cristo Gesù.



    La persuasione, se ha a che fare con ciò che giusto, diventa inevitabilmente ubbidienza santa e accettevole a Dio. Quando non diventa approvata dallo spirito santo ? Seguendo questa logica, quando non è il frutto della persuasione. Quando ad esempio come nominati, anzichè aiutare il fratello, in difficoltà, usiamo argomenti teocraticamente capziosi oppure prendiamo scorciatoie e utilizziamo le minacce teocratiche, o facciamo leva sui sensi di colpa, e quant’altro. Qualcuno poi camuffa queste minacce con il termine teocratico  “esortazioni” ma sono un modo per confondere ancora di più il povero fratello. Ad esempio, durante i comitati giudiziari che cosa vogliamo capire dal fratello o dalla sorella inquisita ? Siamo volti al bene per capire se esiste una parte buona, le sue qualità, il suo interesse per Geova e per la congregazione ? Oppure vogliamo tirare fuori la malvagità, il peccato, il male ? Alla prima domanda rispondono i nominati consapevoli, alla seconda rispondono gli inquisitori, i taglia gole, i forcaioli buroteocratici. Nella scrittura del giorno di oggi, l’apostolo Paolo dice di se stesso.


    (Romani 7:23)
    Vedo nelle mie membra un’altra legge che combatte contro la legge della mia mente e mi conduce prigioniero alla legge del peccato.

    Con questa scrittura come può, un fratello, rispondere nel modo corretto a chi cerca il male a tutti i costi ? Ora veniamo ai pericoli che sorgono quando l'ubbidienza non è santa.

    Perchè la cieca ubbidienza è pericolosa ?

    Dobbiamo avere una particolare attenzione a questi aspetti perchè, se l’ubbidienza viene prima della persuasione si ottengono ottimi risultati da un punto di vista formale. Nelle congregazioni contaminate da questo spirito di cieca ubbidienza, ci sono ricchi rapporti, attivo pionierato e grandi sorrisi di circostanza. Ma questi effetti sono come i titoli azionari gonfiati di aziende del mercato borsistico, sono bolle di spiritualità finta. Prima o poi scoppieranno e sarà solo questione di tempo. A quelli che credono di “vivere” la congregazione in questo modo, non diciamo nulla di sconveniente segnalando che la puzza dell’ipocrisia, si sente da fuori e non c’è bisogno di entrare dentro la sala per capire dov’è il cadavere della fede. La prossima volta che analizzate lo stato della congregazione, mettete via i rapporti e provate a pensare ai singoli fratelli. Ci sono in gioco delle vite. Potrebbe l'abolizione dell'obbligo di fare rapporto aiutare i fratelli a mettere al primo posto le attività della congregazione ?

    Seguiamo il più grande esempio

    Aiutati dallo studio della Torre di Guardia di oggi possiamo prendere in considerazione come Geova ha agito nei confronti di Caino e come ha tentato di “persuaderlo”

    (Gen.4:6,7)
    Allora Geova disse a Caino: “Perché ti accendi d’ira e perché il tuo viso è dimesso? 7 Se ti volgi per fare il bene, non ci sarà un’esaltazione? Ma se non ti volgi per fare il bene, il peccato è in agguato all’ingresso, e la sua brama è verso di te; e tu, da parte tua, lo dominerai?”

    o ad esempio con Baruc  (Ger.45:3-5 ). La morale è chiara, Caino non si è lasciato persuadere e ha disubbidito, Baurc invece si è ripreso e ha ubbidito al suo creatore. Di che tipo è l'ubbidienza che diamo alla organizzazione ? Seguiamo gli uomini o la coscienza addestrata dalla parola di Dio ? Ognuno di noi deve fare del suo meglio per rimanere nell’amore di Dio. Possiamo riuscirci seguendo l’esempio di Gesù così facendo saremo sicuri che nulla “potrà separarci dall’amore di Dio che è in Cristo Gesù nostro Signore”.

    (Romani 8:38,39)
    38 Poiché sono convinto che né morte né vita né angeli né governi né cose presenti né cose avvenire né potenze 39 né altezza né profondità né alcun’altra creazione potrà separarci dall’amore di Dio che è in Cristo Gesù nostro Signore.

    Che la pace dallo spirito santo, sia nei vostri cuori.

    21/11/15

    Democrazia delle Risoluzioni e delle decisioni nella Congregazione.



    Commento di un fratello sulla democrazia teocratica :


    Quache tempo fa dalle mie parti gli anziani annunciarono una risoluzione da approvare per alzata di mano dei membri battezzati della congregazione. Alla fine dell'adunanza un anziano mi si avvicinò e mi disse che data la natura di governo teocratica della congregazione, anche io avrei dovuto accettare la decisione della maggioranza e ero in dovere di contribuire come gli altri che avevano votato a favore della risoluzione.

    Da quel momento mi viene voglia di andarmene al bagno ogni volta che viene proposta una risoluzione d'altrocanto mi rendo conto che molti fratelli e sorelle optano per la via comoda.Alzano la mano e facciano come gli pare. Così evitano i commenti dell'anziano di turno

    Esperienza :

    E' stato scritto che un anziano salì sul podio e invece di leggere la risoluzione lesse l'introduzione della proposta da approvare. Subito dopo chiese : " Bene fratelli alzi la mano chi è d'accordo ". La maggioranza alzò la mano per approvare. Un fratello notò qualcosa di strano , quando si approva una risoluzione è perché si è letto il contenuto della medesima. Però questa volta l'anziano non aveva letto il contenuto della dichiarazione e i fratelli non lo notarono.

    Un fratello in fondo alla sala , alzò la mano e disse all'anziano che leggesse prima la dichiarazione  e poi passarla ai voti. Ma l'anziano disse : " Giusto ma oramai è andata. Da come avete alzato la mano prima, la risoluzione si dà per approvata "

    I due fratelli , l'anziano sul podio e il commentatore dal fondo della sala erano un po' arrabbiati sulla vicenda ma la maggioranza della congregazione non ne fece una questione , apatia e poco interesse se era 10,100 o 1000 euro tanto probabilmente non avrebbero neanche contribuito .


    _____________________

    19/11/15

    ISIS




    Muḥammad Amīn al-Ḥusaynī (in arabo: محمد أمين الحسيني‎; Gerusalemme, 1897 – Beirut, 4 luglio 1974) è stato un politico palestinese, Gran Mufti di Gerusalemme, fu uno dei principali leader nazionalisti arabi radicali degli anni trenta, indicato anche come un precursore del fondamentalismo islamico, malgrado i suoi lavori non abbiano mai inteso coinvolgere aspetti regolati dalla teologia islamica.

    Saluto Nazista

    Hitler a colloquio con il Gran Mufti

    14/11/15

    " ..Se un uomo aspira all’incarico di sorvegliante, desidera un’opera eccellente." - 1 Timoteo 3:1

    La maggior parte dei requisiti relativi a quest’opera eccellente sono indicati in 1 Timoteo 3:2-7 e Tito 1:5-9.


    Una nostra recente pubblicazione dà consigli utili su come rifiutare un modo di pensare e di agire errato.
    Per esempio, non è forse vero che alcuni misurano il proprio successo in termini di privilegi ricevuti?

     Ecco..il vero successo sta nel servire fedemente Geova ovunque ci si trovi e qualsiasi cosa si faccia.

    Come CdA quali ideali trasmettiamo ai singoli fratelli della nostra congregazione?
    Quale metro di misura utilizziamo per valutare i futuri nominati? 

    La cosa più errata sarebbe quella di creare un programma con i nomi dei singoli fratelli dove l'unità temporale farebbe da padrone alla crescita progressiva dei singoli individui.
    Gli scatti di anzianità non farebbero altro che creare un sistema militaresco: ogni fratello progredisce spiritualmente in modo differente da un altro

    13/11/15

    Non sto servendo uomini!!!!!!


    Un ""esodato"" dell'Ordine Mondiale dei Servitori Speciali a tempo pieno commenta i recenti tagli alle filiali.

    Salve è la prima volta che intervengo in un blog sui Tg. Premetto che sono uno degli "esodati" e che sono d'accordo con la decisione del CD. I membri del CD prendono un modesto dono,sono come tutti i servitori volontari speciali a tempo pieno. Non hanno interesse a danneggiare i fratelli. La macchina organizzativa sarebbe economicamente collassata: era solo questione di tempo.


    Parlo contro i miei interessi! In merito ai tempi e modi ho due domande: un avviso di soli due mesi è ragionevolmente sufficiente per chi non ha mai lavorato e per 20 o 30 anni ha servito nel campo o alla Betel? Nello spirito di Matteo 7:12* si poteva comunicare per tempo ai servitori speciali questo cambiamento di rotta o l'intenzione di attuarlo? Per il resto penso che nell'opera di predicazione questa decisione darà ottimi risultati nel giro di uno o due anni.
    Per quanto mi riguarda ho già visto operare Geova molte volte nella mia vita.... Non sto servendo uomini!!!!!!

    * Matteo 7:12 :
    “Tutte le cose dunque che volete che gli uomini vi facciano, anche voi dovete similmente farle loro; questo è infatti ciò che significano la Legge e i Profeti."


    Vai al commento

    _________________________________

    12/11/15

    Ricetta Tortiglioni del Betelita all'arrabbiata .



    Ho messo a punto provandola di persona una nuova ricetta che chiamerò Tortiglioni del Betelita all'arrabbiata ! Abbineremo un buon vino rosso . Il costo per 4/5 beteliti e proclamatori appiedati si aggira attorno le 6 massimo 7 euro , compreso il vino.

    Mangiate con altri fratelli e passate un paio d'ore in compagnia con intimi amici resistenti, condividete !!

    Tortiglioni del Betelita all'arrabbiata
     
     

    Ingredienti da procurarsi :

    09/11/15

    UNA PICCOLA LUCE DAL DESERTO Di EN-GHEDI





    Cari fratelli,


    Siamo grati al nostro Dio Iah che incomincia a fare luce sul CD, facendo loro capire che non sono questi i tempi in cui usare le contribuzioni della fratellanza, né le risorse umane per portare avanti faraoniche case Betel, né per costruire Filiali e Sale del Regno ove non sia necessario. Viviamo nella parte finale del tempo della fine, le condizioni mondiali confermano l’adempimento delle profezie riportate in Matteo cap.24, Marco cap.13, Luca capitolo 21, 2’ Tim. 3:1_5 e Riv. Cap.6

    Sappiamo che fra breve si scatenerà la Grande Tribolazione, quali sono allora le opere urgenti da compiere per ognuno di noi…?

    Dobbiamo aiutare le persone del nostro territorio tramite la predicazione della Buona Notizia( mar.13:10)

    MENTRE I FRATELLI SI BATTONO PER LA FEDE...... I PASTORI (i nominati) ............

    Pubblicato per la prima volta il 5 settembre 2013

    DAI PROCLAMATORI DEL REGNO........


    Quello che è stato riferito nei vari post del blog, riguardo a molti ANZIANI (pastori spirituali) tra i TDG appare incredibile e potrebbe facilmente essere tacciato come non veritiero. Ma resta il fatto che, vediamo e sentiamo dalla bocca di moltissimi fratelli, sulle inadempienze e sulle cattive azioni di costoro, infatti MOLTI ANZIANI hanno fatto “i loro comodi” nei confronti dei “piccoli del gregge”, così da indurre ad uno stato d’animo avvilente e negativo molti fratelli/sorelle nelle congregazioni.

    La Bibbia in Ezechiele cap. 34: 1-31 indica che tra il popolo di Geova ci sono tali sorte di PASTORI quando dice:

    08/11/15

    La Soluzione Finale : Annientare il morale di ogni onesto servitore di Geova !


    N.B. -  Questo post caro lettore è volutamente provocatorio.


    La Soluzione Finale



    Caro  sorvegliante, ti vuoi prestare  a questo  gioco ? Ignori le macchinazioni del diavolo a tal punto, da non comprendere i tempi in cui stiamo vivendo? ......è possibile che il nemico, usi elementi e gruppi all'interno dell'organizzazione, per attuare una sorta di "soluzione finale", spezzando il morale dell'intera ekklesia come già fece nei tempi di Israele antico poco dopo la morte degli apostoli ?

    Anni fa, lo stesso Gesù mise in guardia le sette congregazioni che nel tempo della fine il popolo di Dio avrebbe avuto difficoltà interne a causa di elementi che avrebbero usato la religione come paravento per interessi personali non certo edificanti.
    (Leggi Rivelazione capitoli 2,3) 
    Inoltre sappiamo qual'è l'obiettivo  di satana, distruggere l'onestà e la purezza dall'organizzazione, affinché il proposito di Dio non vada a buon fine.

    Per certo non riuscirà nel suo intento, verosimilmente comunque, potrebbe creare molte difficoltà alle famiglie sane e ai fratelli/sorelle onesti e consapevoli, i quali  lottano quotidianamente per mantenersi integri, indipendentemente  dallo spirito prevalente nelle congregazioni e  nell' Organizzazione di Dio.

    Quali stratagemmi usa il diavolo per abbattere la parte sana della congregazione  ?

    Nomine fasulle nelle congregazioni e filiali da parte di nominati superficiali che hanno perso la fede .

    Gruppi numerosi di fratelli e sorelle dalla doppia vita,spesso riuniti in Klan di stile mafiosi. Essi agiscono isolando i servitori fedeli nelle circoscrizioni e perseguitandoli . La persecuzione può assumere diverse forme:
    - Bullismo
    - Prese in giro e pettegolezzo malevolo
    - Ostracismo di gruppo immotivato
    - Calunnie nei riguardi di persone integre
    - Atteggiamenti omertosi per proteggere il Klan

    Pressioni a livello scritturistico. A imitazione del grande ingannatore , alcuni nominati molto conosciuti usano  abilmente le Scritture per scopi egoistici. Spesso anche i Klan di proclamatori dalla doppia vita, usano le Scritture come paravento per scimmiottare il mondo. Questi insultano gli onesti servitori di Dio definendoli ""finti moralisti"" ,""bacchettoni"", ""negativi"", ""santi"", ""moralisti"", ecc.. 

    Tentativi di corruzione  attraverso   doni in danaro contante dai colori più svariati, cene di gala in ristoranti trendy e stellati ,verticali di vini pregiati,  regalie varie distribuite  a chi conta e può restituire favori in termini di avanzamento nella carriera teocratica. Tutto ciò crea un ambiente malsano e in cui lo spirito di Dio spesso viene contristato. 

    Abbassamento delle norme di comportamento morale e di pari passo persecuzione (con vere oppur velate minacce)  su chi non si vuole adeguare alla massa .

    Abbattendo il morale e la fibra spirituale dei servitori di Dio, tramite l'introduzione massiva di FESTE e FESTICCIOLE da sballo. Sono dei moderni CAPODANNI teocratrici gestiti spesso da nominati, parenti e amici influenti nella teocrazia locale.

    I resistenti oltre a dover sostenere le prove comuni a tutti, devono anche resistere alle pressioni di questi fratelli superficiali che hanno perso la fede in Dio e  impongono la loro propaganda al resto della fratellanza onesta, la quale vorrebbe solo servire Geova in pace e armonia.

    Ma Dio darà la forza ai Suoi servitori. Salmo 37:24 ci assicura che anche dovessimo cadere non sarà una situazione definitiva ma solo momentanea. Non cediamo quindi alla propaganda di questi fratelli senza o con poca fede in Dio e nelle Scritture, anzi aiutiamoli a ritrovare l'equilibrio che appartiene agli amanti della libertà Divina.




    ______________________________________________________

    01/11/15

    La successione nel corso dei secoli . Un popolo e un Ekklesia guidata da Dio ma che sbaglia.



    Noè
    Abramo
    Isacco
    Giacobbe
    Davide
    Giuseppe e Maria
    ( tribù di Giuda e discendenti di Davide )
    Gesù unto da Geova e battezzato da Giovanni


    ________

    12 apostoli  scelti direttamente da Gesù
    Cristiani giudei spirituali scelti alla Pentecoste del 33 E.V.
    morte degli apostoli aumenta l'apostasia e l'ekklesia si sfalda
    i veri cristiani sono una minoranza fino a tutto il medio-evo.

    Il nemico contamina il campo con dottrine anti-cristiane

    ________

    Riforma Protestante xvi° secolo e conoscenza diffusa della Bibbia

    spiccano tra i tanti Lutero, Calvino, Zwingli, Muntzer, Melantone e altri riformatori della chiesa allontanatasi da Dio
    XVIII° e XIX° secolo  risveglio religioso , alcuni gruppi di cristiani ricercano la guida delle Scritture intendendo che sta arrivando il tempo profetizzato del Ritorno del Signore .
    Nascono ( tra i più attivi ) gli Avventisti
    Delusione
    per alcune date errate ma il fervore e l'aspettazione continua tra i veri cristiani sparsi qua e la.


    _______

    1870 Russel viene a contatto con alcuni Avventisti
    Si formano dei gruppi di studio biblico e inizia un era di
    luce dottrinale straordinaria mai vista prima
    1900 Russel e il gruppo della Watchtower si chiamano
    Studenti Seri della Bibbia o Studenti Biblici
    senza avere alcun nome


                                          ___________


    1914 inizia il Giorno del Signore e iniziano ad adempiersi le profezie sul tempo della fine descritte in Rivelazione e nei Vangeli ispirati.


                                         ___________



    1916 Russel muore ma nel testamento aveva disposto alcune linee guida per la successione indicando i nomi da eleggere all'adunanza annuale della Società. Tra i nomi c'è Rutherford e altri


    ________

    1917 alcuni direttori della Watchtower erano contrari al progresso
    dell'opera e vengono allontanati
    1918 furono arrestati i membri del Direttivo
    1919 l'assemblea dei soci della Watchtower riconfermò Rutherford
    come Presidente a voto democratico palese


    ______________

    1939 riforma di Rutherford sulle NOMINE e passaggio dal sistema
    democratico palese dal basso, ad nominale palese dall'alto.
    Gli anziani non venivano più eletti dalla congregazione, questo  avrebbe poi avuto risvolti nella struttura della Società.
    1942 al timone Knorr


    _____________

    1944 Riforma all'adunanza annuale della Società VOTATA all'UNANIMITA', non fu imposta , votarono tutti i soci  erano tutti d'accordo con la riforma la quale prevedeva  :
    - i soci non saranno più illimitati ma al massimo 500
    - non saranno eletti dall'ekklesia ma dal Consiglio Direttivo
    - i 500 soci avrebbero eletto il Consiglio Direttivo
    - Il Consiglio Direttivo avrebbe eletto poi i suoi funzionari
    1945 entra in vigore la Riforma Knorr
     


    ____________________


    Nel frattempo ci furono diversi scismi , alcuni gruppi di fratelli
    che non appoggiarono le Riforme si staccarono dalla Società, eppure continuarono a predicare in un modo o nell'altro, il Regno di Dio. Alcuni sono ancora attivi ad esempio gli  Studenti Biblici , altri come in Romania si definiscono :  La Vera Fede

    La Riforma Knorr servì a BLINDARE l'organizzazione
    evitando così infiltrazioni di elementi dalle intenzioni malvage ( vedi Proclamatori pagina 229-230 )
    1971 Riforma del Direttivo con aumento del numero ( non più solo sette membri )
    Presidenza del Direttivo ad incarico annuale e avrebbe ruotato tra tutti i membri in base all'ordine alfabetico.


     4 Dicembre 1975  Riforma del Direttivo e divisione in Comitati ( 6 Comitati )


    il resto è storia recente ..... con la BLINDATURA del corpo direttivo approvata l'anno scorso ci siamo finalmente riparati dai nuovi profeti che inondano il web e la fratellanza di intendimenti ad personam.


    _______________________________